RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

  • . . Cicciobellus Homo Providentiae . Scegli sindaco
  • Nota per Levi-Prodi-Gentiloni sul ddl del 3 agosto 2007

    Questo Blog non è un prodotto editoriale, ma un diario che permette di sfogare le frustrazioni di abitante di una città da terzo mondo e cittadino governato da malfattori e farabutti come voi. Questo Diario-Blog non ha niente di paragonabile a prodotti “di informazione, di formazione, di divulgazione, di intrattenimento”, ma è piuttosto una forma moderna per non finire attaccati ad una bottiglia di Whisky per dimenticare lo squallore romano e italiano in cui ci state gettando... Insomma, bamboccioni miei incollati sulle Poltrone, esprimere e scrivere le mie idee per me rappresenta una forma terapeutica che regolarizza il mio battito cardiaco e tiene sotto controllo la pressione, oltre alle palle che rallentano il loro vorticare… Chi mi vuole staccare la spina dovrà vedersela con la CEI e il Papa! ;)
  • Commenti recenti

    Perché NON si può vo… su Sette piani di convenienza, pe…
    Perché NON si può vo… su Con la bici non arrivi in uffi…
    Perché NON si può vo… su Promesse di ferro, ma Roma è r…
    Perché NON si può vo… su Ministeri, in arrivo il piano…
    Perché NON si può vo… su Il negazionismo rutelliano
  • RSS Articoli da Blogs a Roma

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • Categorie

  • Archivi

  • Libro bianco sulla città di Roma

  • No alla festa del cinema!

  • Dove sono finiti i fondi della finanziaria 2007 per il Software Libero?

  • Annunci

I veri padroni di Roma

Posted by romacogitans su 8 aprile 2008


Francesco Gaetano Caltagirone. Il re dei palazzinari romani ed editore, fra l’altro, del Messaggero di Roma e del Mattino di Napoli. Proprietario delle TV romane TR56 e T9. Alla base del suo impero è il mattone, con le maxilottizzazioni già acquisite e non legate all’approvazione dell’ultimo Prg. Sua figlia Azzurra è seconda moglie dell’UDC Casini.

Domenico Bonifaci. Un altro costruttore romano che coniuga mattone e stampa. Controlla il Tempo, storica testata di Roma, acquisita proprio da Caltagirone.

Pierluigi Toti. Una fortuna costruita su edilizia e lavori pubblici e ora nell’editoria, da quando ha il 5,14% di Rcs. Feeling con Veltroni e protagonista di grandi progetti (Mercati generali, Torre Spaccata), fra cui quelli che avrebbero tratto vantaggio dalle tre delibere contestate (Torri dell’Eur, Bufalotta e Magliana).

Sandro Parnasi. Presidente di Parsitalia srl, immobiliare di famiglia e alleato con Silvano Toti in vari progetti della Capitale. Sta costruendo la centralità di Castellaccio, all’Eur.

Paola Santarelli. Signora del mattone fra i grossi calibri della Capitale, titolare della Cogesan. Abile nel business, nelle relazioni e nelle alleanze, fra cui quella con i Toti e Ligresti

Sergio Scarpellini. Titolare, fra l’altro, della centralità di Romanina, alla quale Veltroni ha finora negato un maxi aumento di cubatura. Sono di sua proprietà numerosi immobili affittati da Camera e Senato.

Angela Armellini. Moglie del politico cattolico Antonio Tabacci (UDC) e proprietaria degli Hotel ArAn (il cui nome nasce dalle iniziali della costruttrice), uno costruito in zona a vincolo ambientale, l’altro riutilizzando un edificio iniziato a costruire negli anni 70 ma con soffitti molto più bassi rispetto alle normative, e quindi bloccato. Con la famiglia è anche proprietaria degli edifici ex abusivi attorno alla fermata della Metro Laurentina iniziati negli anni ’70 e completati solo dopo un accordo con la giunta Rutelli, contro le leggi e contro il parere della cittadinanza.

Annunci

5 Risposte to “I veri padroni di Roma”

  1. Vi invito a leggere questo articolo pubblicato su Archiwatch su due libri relativi al “sacco d Roma”.

  2. […] ci crede. Negli ultimi 15 anni ci case popolari tra Rutelli e Veltroni non se ne sono viste… tra Armellini, Toti e Caltagirone avranno cambiato idea? […]

  3. superbisco said

    Io avrei aggiunto anche il proprietario di Malagrotta, a quanto pare l’uomo più ricco della provincia di Roma, che ha pensato bene di non far mai emergere la raccolta differenziata a Roma…

    ma sono solo supposizioni

  4. […] Insomma il problema della “verticalità” dipende dalla capacità della città di poter e saper gestire i flussi di cittadini, che sono dati da quel sinergico gioco tra distribuzioni (quanto, dove e cosa) e flussi (legati alle necessità, con quegli spostamenti che molti anni fa si chiamavano “obbligati” e “non obbligati”). Roma è ASSOLUTAMENTE impreparata a subire questi interventi, almeno per dove sono previsti. Certo, se le espansioni verticali avvenissero nei pressi di una stazione ferroviaria [un po’ come con l’ABC olandese o il TOD americano, ndRC] e prevedessero svariate funzioni per il riequilibrio di un territorio che già ora è ai limiti del disastro il discorso sarebbe diverso, ma la politica urbana in questa città è dominata dalla rendita di posizione dei proprietari terrieri, che poi sono anche palazzinari… […]

  5. […] alle tavole di tutti i potentati romani, Vaticano in primis, stringendo alleanze con i peggiori palazzinari romani (Caltagirone, Armellini, Toti, Scalpellini, ecc. ma sono sicuro che lei li conosce meglio di […]

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: