RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

I crimini del buonismo

Posted by romacogitans su 18 marzo 2008

Mi chiedo cosa sia stato di questi due proclami promulgati 10 mesi fa… non penso che Giovanna Reggiani, Luigi Moriccioli o tanti altri si siano giovati molto di queste “ardite politiche” che probabilmente saranno rimaste lettera morta, visto che il  2007 è stato una tragedia

1) I Rom ed i campi nomadi saranno tutti trasferiti oltre il Gra – Firmato il Patto per la sicurezza

Rom via da Roma. Nero su bianco. Ufficiale. E’ una soluzione radicale che certamente farà discutere quella presa oggi (18 maggio 2007, NdRC ) dal Comune di Roma e dal ministero degli Interni: i villaggi Rom verranno abbattutti, tutti, ed i loro abitanti saranno collocati in nuove aree fuori dal Gra chiamati villaggi della solidarietà.

Le parole d’ordine alla base del patto sulla sicurezza firmata da Veltroni, Serra, Marrazzo, Gasbarra ed Amato, ovvero il provvedimento che prevede, per l’appunto, lo sgombero di tutti i campi nomadi da Roma, saranno solidarietà e sicurezza. Da un lato, infatti, il trasferimento dei campi servirà per cercare di venire incontro alle richieste di sicurezza che si sollevano da una parte dei cittadini romani. Dall’altra, grazie ai villaggi della solidarietà, si darà a tutti i Rom uno spazio più grande e più confortevole, prima condizione per una futura ed eventuale integrazione.

Il trasferimento avverrà entro un anno ed i villaggi della solidarietà saranno quattro, tutti oltre il Gra ma in zone ancora non individuate. Il piano per la sicurezza prevede poi una ridistribuzone sul territorio delle forze dell’ordine per cercare di contrastare accattonaggio, vendita abusiva di oggetti. “La presenza delle forze dell’ordine sarà incrementata di 200 uomini in più – ha infine sottolineato Veltroni – tutti saranno operativi sul territorio”.

2) Nomadi a Roma: Veltroni e la soluzione “ritorno in patria”

Far ritornare quanti più Rom nomadi possibili in Romania, senza rimpatrii coatti e con un protocollo d’intesa italo-rumeno.

Questa la nuova idea lanciata dal sindaco di Roma Walter Veltroni (il 05 giugno 2007, NdRC) dopo quella relativa al trasferimento dei nomadi in campi fuori dal Gra. In attesa, infatti, che entro tre mesi (settembre 2007, NdRC) vengano individuate le aree dove sorgeranno i “villaggi della solidarietà” il viaggio in Romania del sindaco potrebbe aprire nuovi scenari: scrivere un protocollo che “favorisca il ritorno in patria di persone venute via dalla Romania quando la situazione lì era molto diversa da quella attuale”, ovvero quando erano pesantemente discriminate dal regime.

Intanto continua il lavoro contro I campi abusive. “In questi anni – ha ricordato Veltroni – abbiamo chiuso 28 campi, attrezzandone altri 11 e abbiamo spostato 10.000 persone”. Prossimo sgombero previsto a luglio: campo abusivo di Saxa Rubra.

4 Risposte to “I crimini del buonismo”

  1. Albert1 said

    Tu mi stuzzichi, RomaCò… Te tu lo fai apposta… Dillo che tu lo fai apposta…
    Ma tranquillo, ci pensa Rutelli, o male che vada ci pensa Grillo. Che problema c’è ?

  2. circondati said

    appunto, doveva essere la soluzione definitiva! Talmente definitiva che i rom si sono riappropriati di un’area tra l’ex mattatoio di Testaccio ed il Tevere.

  3. Ale said

    Peggio ancora: ci facciamo dare lezioni di civiltà anche dal governo rumeno, mio Dio, una nazione che non ha mai avuto nessuna importanza nel mondo né dal punto di vista storico né da quello diplomatico, che sono entrati in Europa giusto per carità e già alzano la cresta. Leggete il messaggero.it di questa sera……e Veltroni, zitto, che continua a far finta di nulla e a continuare a propinare menzogne e fesserie alle folle, per accaparrarsi i voti, con quella sua faccia da bambolone pacioccone.

  4. […] da romacogitans su Aprile 21, 2008 E’ risuccesso, e non poteva non riaccadere visto il totale abbandono in cui la classe politica ci ha lasciato, persa in meschine beghe di […]

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: