RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Ubriacateci di chiacchiere!

Posted by romacogitans su 7 marzo 2008

Con simpatia ho letto su un blog l’invito a Francesco Rutelli, braccio armato dei palazzinari romani, a non fare il demagogo con i giri per le periferie romane “ad incontrare la gente ed a salire sugli autobus” ma a visitare anche i quartieri del centro, che sono tanto degradati quanto quelli delle borgate.

Profonda tristezza però nasce in me dal riscontrare che tale goliardata da alcuni sia stata presa alla lettera: leggo su alcuni Blog romani l’intenzione di invitare veramente colui che già una volta ha sfruttato Roma per lanciare la propria scalata alla politica nazionale. Il candidato a sindaco del PD – politico di lungo corso ed ora in cerca di poltrone – a detta di costoro dovrebbe PARLARE delle sue intenzioni circa specifici programmi da attuare nei singoli quartieri o rioni (piuttosto che di strategia per la città, invece). Ma Rutelli, dopo 8 anni al timone della Capitale in cui ha prodotto soprattutto tonnellate di carta spampata di proclami e promesse, che cosa pensate possa fare di diverso?

Già mi immagino le scene:

Domanda: “Onorevole, ma rifarete i marciapiedi a via delle Zucche Vuote?”

Cicciobello: “E’ la nostra priorità per il decoro urbano e rientra nel Piano dei 1000 Marciapiedi

Domanda: “Sindaco, ma me lo venite a cambiare voi lo scaldabagno?”

Cicciobello: “La mia giunta si attiverà con programmi di sicurezza a tutto tondo: ai Piani 1000 pannelli solari va aggiunto 1000 scaldabagni e 1000 parcheggi invalidi

Domanda: “Vostra eccellenza, ma un ascensore che da casa mia scenda fino alla metro me lo mettete?”

Cicciobello: “La cura del Ferro ha come priorità le esigenze dei cittadini, e nel programma partecipato 1000 ascensori c’è anche l’integrazione tra le centinaia di chilometri di trasporto ferroviario – già è in avanzata fase di attuazione – e la costruzione di ascensori che colleghino…” e qui censuro la mia immaginazione per rispetto alla decenza, che ho proprio perché non mi chiamo Cicciobello Rutello.

Ciò che lascia senza parole è che (purtroppo come al solito) non si guarda alla storia dei politici, alla loro coerenza, alla loro serietà, a ciò che hanno veramente realizzato e alla asimmetria tra promesse e vere battaglie intraprese. NO! BISOGNA SENTIRE LE PROMESSE!!!

Qui poi ci vorrebbe un antropologo, sociologo o uno psicologo sociale, perché non si capisce se:

1) il problema dipenda dall’innata masochistica propensione italiana a farsi coglionare non una ma diverse volte, ancor meglio se dalla stessa persona o Partito;

2) oramai siamo tutti figli del tubo catodico e del multitasking e riusciamo solo a gestire intellettualmente piccole porzioni di realtà (e che durino lo spazio di 10 minuti ed ovviamente scurdannuce ‘o passate);

3) l’animo mafioso che alberga in ogni italiano si crogioli nel sentire che “uno” otterrà ciò di cui “uno” ha bisogno, e chi se ne frega degli altri!

Guicciardini, Manzoni ed Orwell avevano evidente ragione, ma forse neanche loro si aspettavano di descrivere così bene nei loro libri la Roma del XXI secolo: altro che Nostradamus!

12 Risposte to “Ubriacateci di chiacchiere!”

  1. Albert1 said

    Su questo filone, anche il fratello del commissario Montalbano non scherza.
    Addirittura palesa obiettivi puntuali e specifici, tipo:

    “Entrare ed uscire da Roma più facilmente”
    “Internet senza fili GRATIS su tutto il territorio del comune”

    e alla via così.

    Sarebbe bello, ma che me ne faccio del wireless se non posso connettermi ad internet col palmare perchè non riesco più a stare mezz’ora fermo in fila sulla Roma-Fiumicino ? ‘Ste cose confliggono, chi glielo spiega ?😉

  2. nausica said

    giusto. se i politici non vanno tra la gente troveremo subito chi li criticherà, “c’è troppa distanza tra il palazzo e i cittadini”, se scendono in strada sbagliano anche, perché sono demagogici, insomma sbagliano sempre. il post sopra lo potremmo intitolare “Le tante promesse di rutelli non mantenute”, peccato che non si parla delle sue promesse. mi diverto a leggere post e commenti negativi su rutelli, tutti pieni di epiteti e giudizi caustici, tutti, però, non vanno al di là dell’opinione personale, partigiana, dell’autore di turno… l’oggettività a che serve? le prove, i fatti a chi interessano? a nessuno, siamo nell’epoca del tubo catodico, delle veline, dei corona e dei lele mora.
    L’incrementamento delle aree verdi (40%), è un fatto, l’ara pacis e l’auditorium, è un fatto, i 176 km di ferrovie metropolitane ristrutturate e create ex novo, è un fatto, la realizzazione di 22 parcheggi di scambio, per 10.000 posti auto, è un fatto. Ma ancora è stato calcolato e non smentito che fra riduzioni, detrazioni e inflazione, il peso dell’ICI per la prima casa sulle famiglie romane, durante il governo Rutelli, è sceso del 24%, altro fatto. La Galleria Borghese, Palazzo Altemps, le Scuderie Papali del Quirinale, il museo romano di Palazzo Massimo e la Domus Aurea sono state restituite al pubblico, altro fatto… Rutelli riconfermato, altro fatto. rutelli sindaco di tutti, yes we can

  3. L’Ara Pacis, cara Nausica, è uno degli scempi più grandi che abbia fatto Rutelli.

  4. Albert1 said

    Oh, mio dio.
    Una “groupie” di Rutelli.

    Oggesù.

    Yes we can. Of course.

  5. Risposta al primo intervento di Albert1: sì, verissimo ciò che dici, e la sindrome da promessa facile è tipica del politico, a prescindere dalla sua collocazione politica, e se vogliamo possiamo anche generalizzare, però Rutelli a falsità ed ipocrisia li batte tutti…

    Per la risposta a Nautica, avevo scritto un commento così lungo che penso sia meglio dargli spazio come articolo.

    Per RomaVissuta e Albert1 (2): appunto…

  6. Leo said

    …come diceva Benigni, qualunque capo di stato ha fatto qualcosa di positivo: qualche scuola, strade, parcheggi, ecc…
    Il problema principale, che sembra sfuggire agli occhi dei più (che si sia pro o contro Rutelli), è che i VERI problemi della Capitale non sono stati affrontati seriamente e, possibilmente, risolti. Sì, sto proprio parlando di quella che ormai la maggior parte delle persone sono abituate a considerare un’utopia: respirare aria pulita, togliere il traffico soffocante che tutto uccide, creare trasporti pubblici che funzionino (nel senso che non facciano stare le persone come dentro carri bestiame, perché di questo si tratta, prendendo la linea A della metro). Decentrare SUL SERIO gli uffici della pubblica amministrazione e così via (sono sicuro che RC farà un elenco più completo del mio).
    A me non interessa se i problemi li risolve ALEMANNO o RUTELLI (non credo che nessuno dei 2 farà quanto sarebbe necessario), basta che siano veramente affrontati.

    Se le aree verdi sono aumentate del 40% (sarebbe interessante leggere anche un valore assoluto, con un’unità di misura, anziché la solita percentuale che non dice NULLA) non credo che l’aria sia migliorata del 40%…
    O forse sono io che sento la solita “puzza sotto il naso”…???

  7. […] Commenti Recenti Leo su Ubriacateci di chiacchiere!…romacogitans su Ubriacateci di chiacchiere!…Albert1 su Ubriacateci di chiacchiere!…Roma vissuta su Ubriacateci di chiacchiere!…nausica su Ubriacateci di chiacchiere!… […]

  8. circondati said

    mentre leggevo il commento di Nausica mi è venuta in mente la scena del film “Ecce Bombo” di Moretti dove lo stesso Moretti esclamava «…ma che stamo in un film di Alberto Sordi ?».

    Purtroppo i militanti (destra, centro e sinistra senza distinzioni) sono ciechi e sordi ed hanno un solo credo: le parole del loro “messia”. Guardano alla pagliuzza nell’occhio dell’altro, ma non fanno caso alla trave che hanno nel c……. !

  9. Gino Nema said

    YES I KEN
    and yes, of course… YOU BARBIE!

    ma chi di voi ricorda la prima candidatura di rutelli quando il sindaco percorreva il centro di Roma in sella a un motorino? … mi sa che quel motorino ha fatto una brutta fine, o probabilmente lo starà utilizzando un impiegato della ROMA MULTISERVIZI.
    Vorrei però ribadire CHI è rutelli: http://corvacci.net/?p=315

  10. Gino Nema said

  11. […] rendersi conto dell’infondatezza di quanto scrive Soro basterebbe farsi una passeggiata per Roma, e subito balzerebbe agli occhi che […]

  12. Cittadino Qualunque said

    l’ara pacis è una PORCATA

    e quanto fatto a Campo de’ Fiori e in parte Trastevere uno scempio

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: