RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Identità giudaico-cristiana? (1)

Posted by romacogitans su 30 novembre 2007

Riporto (in due puntate) stralci di uno scambio di battute sull’articolo Fàmolo Day dell’11 maggio 2007, considerazioni su cui forse non fa male riflettere un po’…

Abr: [….] Rimaniamo convinti infatti che le polarizzazioni e le divisioni su temi ottocenteschi facciano forse bene al nostro senso di appartenenza clanica, ma facciano malissimo all’identità Occidentale. Che è fatta di Fede – le nostre Fedi di matrice Giudaico-Cristiana e non altre – e di Scienza (nessun’altra Cultura è mai riuscita ad elaborare nulla di simile, chissà perchè …); l’una deriva dall’altra dai monasteri alle Universitas Studiorum; simul stabunt simul cadunt … .
Ad ogni manifest-azione corrisponde reazione. Sosteniamo ad esempio da tempo che il Dèmone Ruini sia stato evocato dal referendum dell’apprendista stregone a vita Giacinto Pannella detto Marco. Ci manca solo che il successo del Family Day radichi radicalismi sempre più radicali … il nemico vero sta là fuori, tra le sue capre nei suoi deserti, e se la ride delle divisioni tra laici e cattolici: tutti uguali, tutti dhimmi siamo.

RC: […] ho letto questa frase, piacevole come un calcio sulla pancia:
“all’identità Occidentale. Che è fatta di Fede – le nostre Fedi di matrice Giudaico-Cristiana e non altre – e di Scienza (nessun’altra Cultura è mai riuscita ad elaborare nulla di simile, chissà perchè …)”
Scusami, ma con “identità occidentale” a chi ti riferisci? E soprattutto, a nome di chi parli? Per quello che ho visto in giro per l’Europa (e t’assicuro che n’ho vista tanta d’Europa!) c’è soprattutto agnosticismo ed ateismo, e poi c’è pure gente che segue una religione o l’altra… sia cattolico, protestante, ebreo o musulmano poco cambia, tanto sono tutte minoranze che fanno riferimento allo stesso dio, ed allo stesso libro sacro, che è la Bibbia…
Per quel che concerne la scienza, ha basi nell’estremo oriente e nel Mediterraneo, dove greci, latini prima, arabi e bizantini poi e per ultimi i popoli germanici in continue sinergie ne hanno permesso lo sviluppo…
Quindi a che alludevi? Alla verità rivelata? Ah, ho capito! Sei di quella setta… come si chiama… i “testimoni di Genova”, o qualcosa del genere… Beh io sono testimone di Roma, maggiorenne da sin troppo tempo, grosso e vaccinato, ed a certi libri di fantasia, come li chiamò Borges, non credo più da un pezzo…
Comunque, scusa l’intromissione e perdona l’arroganza: è forse giusto che ognuno abbia il diritto di continuare a credere in ciò che vuole, giusto o sbagliato che sia…
Ad majora!

Abr: […] nessuna arroganza figuriamoci, sono le tue idee, diverse dalle mie. Proprio perchè le rispetto, rispiego le mie perchè evidentemente sono stato poco chiaro.
Il mio sull’Occidente=Crist.+Scienza è un discorso storico.
La Scienza, come l’Umanesimo e il Liberismo, sono prodotti Docg di un Occidente che volenti o nolenti ha radici Giudaico – Cristiane; tutte quelle belle cose nascono e si sviluppano infatti nell’Evo che certa storiografia di parte dipinge come “buio”, nei Monasteri, poi nelle Universitas Studiorum; l’eredità culturale greca la technè romana perdute nel crollo dell’Impero, vengono (ri-)elaborate da filtri culturali cristiani e rese quel che sono oggi.
Volendo potrei anche dilungarmi su quale sia stato il contributo filosofico originale e fondamentale del cristianesimo all’impianto grecoromano, per la nascita di vere Scienza Umanesimo e Liberismo come le conosciamo oggi, ma varrebbe un post non un commento. Rimaniamo dunque sul puramente storico che basta e avanza.
Certo, Scienza Umanesimo e Liberalismo (le vere caratterizzazioni di quello che chiamiamo Occidente) si elaborano nei secoli dell’Evo Moderno dalle loro radici Giudaico-Cristiane medievali, attraverso un percorso articolato e a spesso conflittuale.
Esattamente come la crescita e l’indipendenza di un figlio si afferma (anche) per mezzo del conflitto coi genitori;
ma farsi adulto indipendente negando chi sia tuo padre, rifiutando di riconoscerlo e di onorarne la legacy è peggio che un errore, è cieco e disumano.
E’ l’errore di chi, impaurito dalla superstizione e dalla violenza di un Credo che non è il suo, si rifugia nello Stato, santificato dall’aggettivo “democratico”, e lo erge a bastione di tutela della Libertà dell’Individuo contro le oppressioni.
Dal Padre Padrone all’Orco, sai che guadagno …
Noi che crediamo che lo Stato sia sempre e solo il vecchio Leviatano, una cura peggiore del male che quindi va sempre e comunque limitato, sappiamo anche molto bene dalla storia del Novecento come va a finire a forza di “Comitati Etico-Scientifici” (Comitato in russo si dice Soviet ..).
E’ l’enorme differenza che c’è tra filosofia laica americana e europea; la prima ha rielaborato il “complesso d’Edipo” tra padre cristiano e figlio laico, è la società più Liberale e più produttivamente sicentifica dle mondo, ma non si vergogna di scrivere su ogni singolo dollaro “In God we trust”; dall’altra parte abbiamo l’Europa post-illuminista, che a forza di scrivere “Ragione” con la R maiuscola ha prodotto fascismo e comunismo e ora offre il Nulla pneumatico della Pace senzasè e senzamà(“purchè me lassate stà”) all’aggressione fondamentalista.
In conclusione, a scanso di equivoci non sono Testimone nè Credente; semplicemente, ho ben chiaro chi fosse il padre del padre di mio padre. ‘Sta cosa molto importante per me la chiamo IDENTITA’. Sbaglio? Passiensa …
Ad Majora,
ciao, Abr

… segue …

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: