RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

5 per mille. Stanchi di essere presi in giro!

Posted by romacogitans su 8 novembre 2007

La settimana prossima la Commissione Bilancio del Senato discuterà l’emendamento per ridurre il tetto del 5 x mille a 100 milioni di euro, pari all’1 per mille. Il Governo aveva garantito la reintroduzione del 5 per mille e l’innalzamento del tetto a 400 milioni di euro. Ma questo emendamento smentirebbe le promesse. Se passasse, sarebbe una vera umiliazione nei confronti di coloro che credono e hanno scelto il mondo No profit. Scrivi ai senatori membri della Commissione Bilancio del Senato che la prossima settimana discuteranno sul destino del Terzo settore, aderisci anche tu alla campagna ‘Alziamo il tetto‘.

Invece, ricordo io, a quella setta satanica che vive in Vaticano e che crea solo problemi va l’8‰ … Mondo strano quest’Italia, non credete?

Avanzo però una contro-proposta: perché non accorpare 8‰ e 5‰ e lasciare solo una aliquota, magari del 10‰ (ossia, 1%) e permettere a chiunque di scegliere se dare questi soldi ai preti per farli gozzovigliare (auto, stipendio, casa, mignotte, ecc.), oppure se devolverli a qualche ONG o a qualche istituto di ricerca?

Sarebbe più democratico e più rispettoso di chi crede in ciò che disse Cristo nel Vangelo Apocrifo di S. Tommaso: “il regno del Padre è sulla terra, e nessuno lo vede”. Frase che sbugiarda le fondamenta della chiesa cattolica, che vende indulgenze per l’accesso ad un Paradiso che Cristo stesso ha detto non esistere, ed invita invece a lavorare su e per questo pianeta piuttosto che ingannarsi…. Meditate gente, meditate…

8 Risposte to “5 per mille. Stanchi di essere presi in giro!”

  1. circondati said

    M’era sfuggita sta cosa… mannaggia la pupazza.
    Ho linkato l’iniziativa.
    La proposta di unificare 6è interessanteconcordo con la tua proposta di unificare 8‰ e 5‰ è interessante… però personalmente mi troverei in difficoltà.
    Io da qualche anno sto firmando per la chiesa valdese… non perchè sia un loro seguace, ma perchè sono gli unici che pubblicano cosa fanno con i finanziamenti ricevuti e, quel che fanno, sono sempre cose abbastanza concrete. Da quando è stato istituito il 5‰ firmo per quell’organizzazione che ritengo meritevole (magari sbagliando). Se dovessimo accorpare tutto a chi darei la firma ? Probabilmente alla chiesa valdese e l’organizzazione che avrebbe potuto ottenere la mia firma rimarrebbe a secco.

    Sarebbe bello che venisse rivisto il meccanismo dell’8‰, ma siamo in Italia e questo rimarrà un sogno. Potrebbe essere però introdotto un obbligo: documentare ogni centesimo speso.
    Sarei curioso di sapere come vengono spesi i finanziamenti ricevuti.

  2. Leo said

    Per Circondati: se vai al sito della Chiesa cattolica, te lo dicono pure in cosa li spendono….
    (hanno anche la faccia un po’ come il c…)

  3. Leo said

    Scusate per l’imprecisione di prima:
    guardate qui come è impiegato l’8 per mille

    http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/cronaca/chiesa-commento-mauro/soldi-del-vescovo/soldi-del-vescovo.html

    Siamo veramente un branco di c……..
    SVEGLIATEVI TUTTI!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Leo said

    Come avevo già avuto modo di segnalare, se pensate di dare un po’ a tutti con l’apposita scelta, non dimenticate che il vostro contributo non è distribuito in parti UGUALI, ma è ripartito in base alle percentuali di scelta per ogni singola voce (chiesa catt., valdese, ecc…). Quindi, dato che in Italia la maggior parte della gente lascia il proprio contributo alla Chiesa cattolica, attenzione, perché dare a tutti equivale a dare alla Chiesa Cattolica. Questo è solo uno dei mille possibli esempi di “trasparenza” che esiste…. Come diceva il tizio della pubblicità MEDITATE, GENTE, MEDITATE

  5. Leo said

    Scusate la raffica di link, ma dovete vedere questo http://it.wikipedia.org/wiki/Otto_per_mille

  6. Albert1 said

    Ma… nun è pe esse ingordo… ma st’otto per mille nun me lo potrei tenè ?🙂

  7. Melkiorre said

    Pensate che c’è ancora tanta gente che si sposa in chiesa, e pure chi magari a parole fa il mangiapreti ma poi si nasconde dietro un dito (“ma sai, mia madre/moglie lo voleva, non potevo dire di no”) e battezza i figli, facendoli reclutare da quei porci pedofili del Vaticano… Ah, ne conosco di ipocriti che parlano parlano ma poi si piegano in due, abbassano le braghe e tirano fuori la vera personalità di represso e di schiavo! Bisogna diffidare da questa gentaccia!

  8. Parole sante Melkiorre: ipocriti e codardi sono il vero male di questo Paese! Chiami gentaccia i falsi mangiapreti, ma forse ti riferisci anche ai preti… ma poco cambia: sono entrambi tumori sociali da spazzare via!

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: