RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

La Selva di Paliano svenduta ai palazzinari

Posted by romacogitans su 23 ottobre 2007

Tra poco più di un mese la Selva di Paliano, l’ex parco a due passi da Roma, per trenta anni oasi naturale dove osservare libere decine di specie di uccelli, luogo visitato da circa nove milioni di persone, bosco che ha ospitato il set di “Non ci resta che piangere”, verrà venduta all’asta in 31 lotti.

L’associazione “Il Grillo Parlante” sta organizzando una raccolta di firme cartacee da presentare al Ministro dell’Ambiente, visto che nella più totale illegalità (e indifferenza delle istituzioni e degli enti) si sta già procedendo alla spartizione di alcune aree.

Il filmato girato pochi giorni fa lo testimonia. E’ necessario preservare il Parco dallo smembramento che porterebbe i soliti palazzinari ignoti a farne quello che vogliono.

Sul sito anche la possibilità, con un semplice click, di inviare una mail di protesta, da sottoscrivere, al Ministro Pecoraro Scanio.

Da oggi chi vuole può sottoscrivere la petizione on line!

Sbrighiamoci che il tempo stringe, l’asta è fissata per la fine di ottobre 2007!!!

Grazie dell’attenzione, per favore girate il messaggio ad amici e parenti.

10 Risposte to “La Selva di Paliano svenduta ai palazzinari”

  1. Martina said

    Bravo Romacog..

    Se vai su youtube e lasci come commento al video l’url del tuo post credo che l’associazione sia felice e anche che possa essere d’aiuto quando andranno in consiglio comunale a discutere di questa cosa, a Paliano.

    Ciao,

    Martina

  2. manuele said

    ma vogliono che la periferia di Roma sia tutta un susseguirsi di disordinati e brutti quartieri di cemento?? quand’è che si porrà fine a questo sfacelo che va avanti ormai dagli anni ’50 ? quand’è che un pgt o un piano regolatore indicherà finalmente come, dove ed in che stile una casa (basta palazzoni!)si dovra costruire ?

  3. Importanti novità sono accadute nei giorni in cui non mi sono fatto sentire, e sinceramente non so proprio da dove iniziare.
    Mercoledì 24 abbiamo avuto la possibilità di consegnare all’Ufficio della Presidenza della Regione Lazio copia delle 1400 firme cartacee raccolte in mesi di banchetti, passaparola e impegno da parte di tanti.
    La disponibilità degli Assessori al Turismo e all’ Ambiente ha portato alla tempestiva redazione di questo comunicato:

    Avviata procedura per istituzione monumento naturale Selva di Paliano
    24/10/07 – “LaSelva di Paliano è un patrimonio naturale indispensabile in una zona che è già provata dal punto di vista ambientale”. Lo ha dichiarato Filiberto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio. “Entro la fine del mese – ha spiegato – andranno all’asta i lotti di terreno della Selva e non c’è alcuna certezza circa il fatto che questi territori rimangano a disposizione dei cittadini, come aree verdi. Si tratta di terreni che sono stati messi all’asta per ovviare a difficoltà gestionali della precedente proprietà”.“Queste difficoltà – continua Zaratti – però non possono essere un pretesto per ledere ulteriormente territori che già soffrono dal punto di vista ambientale. Per questo motivo il mio Assessorato ha iniziato una procedura di istituzione di un Monumento Naturale, per tutelare l’integrità di questi terrritori che sono a forte vocazione naturalistica”.

    “Da molto tempo, infatti, – conclude Zaratti – i cittadini di un vasto circondario utilizzano questa zona per le loro escursioni e intere generazioni di ragazzi hanno imparato a conoscere la natura e gli animali proprio grazie e questi territori che anche per questa ragione devono essere tutelati con efficacia”.

    (fonte http://www.regione.lazio.it )
    Non vi nascondo la nostra soddisfazione.

    Lo stesso giorno abbiamo partecipato al Consiglio Comunale, durante il quale abbiamo potuto assistere alla presentazione del piano di fattibilità della STU proposta dalla Giunta.
    La STU (Società di Trasformazione Urbana) é un istituto di costituzione misto pubblico/privato, introdotto dalla legge 127/97 e recepito nell’articolo 120 del nuovo testo unico degli enti locali, che ha sostanzialmente il compito di acquisire (o espropriare) rivalutare e commercializzare immobili ed é finanziariamente organizzata in modo che il pubblico possa dirigere gli investimenti dei privati. Unita alla illustrazione per esteso delle mille attività e infrastrutture che la STU dovrebbe impiantare ne la Selva, a molti é sembrato un piano geniale che può risollevare le sorti della Tenuta.
    Noi siamo ancora dubbiosi, e vi spiego in breve perché :

    1- Non é stata fatta chiarezza sulle sue possibilità economiche della STU, sia in tema di acquisizione che in tema di esproprio, nonché sulla durata della sua attività nel tempo,alla fine della quale al pubblico rimarrebbe una piccola parte della proprietà, mentre il resto continuerebbe ad essere privato;

    2- A nostro avviso la STU non é l’istituto adatto per porre quei vincoli di carattere ambientale che tutt’ora il territorio de la Selva non possiede, e non riesce ad impedire la frammentazione in più lotti voluta dal tribunale di Frosinone, questioni che se non risolte in maniera adeguata concederebbero largo margine di manovra, nei prossimi decenni,agli speculatori edilizi.

    3-Perché proporre un piano di così ampio respiro (Parco Uccelli, Villaggio dello sport, campo da golf,scuola di musica, fattoria /azienda, addirittura un Villaggio Globale della Musica Digitale),proprio a due passi dal futuro Parco Tematico di Valmontone, di cui questo rischierebbe essere uno sfortunato e tardivo doppione? Perché tutti questi investimenti, quando un piano di impatto ambientale più tranquillo e sicuro sarebbe più opportuno, futuribile ed economico? E cosa dire dei 42000 metri cubi destinati all’edilizia residenziale?

    Noi dell’Associazione il Grillo Parlante rimaniamo dubbiosi su proposte sicuramente interessanti ma che, a sei giorni dall’asta, rischiano di non trovare il tempo per le dovute precisazioni.
    In ogni caso, l’interesse politico e mediatico suscitato negli ultimi giorni ci fa ben sperare e ci dà la forza per andare avanti nella nostra battaglia.
    Grazie ancora a tutti voi che, in un modo o nell’altro, ci avete sostenuto e continuate a sostenerci: abbiamo bisogno di voi.

    Andrea Torcasio

    Associazione il Grillo Parlante – libera associazione onlus

    http://www.assgrilloparlante.com
    info@grilloparlante.com
    assgrilloparlante@libero.it
    http://www.petitiononline.com/SELVA/petition.html
    http://it.youtube.com/watch?v=E_hWGEgVH7c

  4. Scrivo stavolta per comunicarvi ottime notizie:il nostro intento di scongiurare un acquisto scriteriato di alcuni dei lotti della tenuta de la Selva o di tutti da parte di speculatori edilizi in cattiva fede é stato raggiunto: la seduta d’asta di mercoledì mattina era deserta!
    Cosa significa questo?
    In termini pratici, che abbiamo tempo fino a giugno per proporre, ascoltare e cercare nuove soluzioni per lo sviluppo dell’area, che non intacchino però l’unità del Parco e la salvaguardia del suo ecosistema, tutto questo attendendo e supervisionando alle pratiche avviate dall’Assessore alle Politiche Ambientali della Regione Lazio Filiberto Zaratti per l’Istituzione del Monumento Naturale per quanto riguarda tutti i 440 ettari della tenuta.
    Noi dell’Associazione “Il Grillo Parlante” siamo a favore del dialogo costruttivo, ascoltiamo le proposte senza pregiudizii e preconcetti, purché si dimostri rispetto per noi, per la questione in causa e per le persone che rappresentiamo.
    Proprio questo é il secondo punto : una petizione online che sfiora (ma presto supererà) le 10 000 sottoscrizioni (e che invitiamo a continuare a sottoscrivere e divulgare finché non sarà stata attuata una soluzione valida al problema), circa 1400 firme cartacee indirizzate al Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio (consegnate in copia alla Segreteria della Presidenza della Regione Lazio)al quale sono giunte oltre 700 e-mail di protesta, filmati di denuncia e registrazioni radiofoniche visti e ascoltati su http://www.youtube.com da più di 12000 utenti in poche settimane, hanno fatto comprendere al mondo mediatico e politico che a gridare per la Selva non era un manipolo di scapestrati confusionarii, ma decine di migliaia di donne e uomini informati da un gruppo organizzato. Proprio questo é ciò che continueremo ad impegnarci a fare : informarci ed informare, perché solo così riusciremo a essere forti e a farci sentire, solo così la Selva non sarà perduta.

    E’ stato un grandioso risultato, e proprio per questo il Presidente dell’Associazione Il Grillo Parlante Vittorio Lupicuti e tutti gli associati ci tengono a ringraziare l’Assessore Filiberto Zaratti (a lui dobbiamo l’avvio delle pratiche per l’Istituzione del Monumento Naturale) e il Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio. Siamo grati anche al Consigliere Corrado Mattoccia del Comune di Colleferro che é stato il primo (e per mesi l’unico) esponente del mondo politico ad attivarsi e a darci un fondamentale aiuto per far conoscere la questione de la Selva e a Fulco Pratesi, Presidente del WWF Italia, non nuovo a battaglie di questo genere, che tanto sta facendo per noi.
    Un grazie anche al Principe Ruffo che ci ha permesso di realizzare il filmato e tante informazioni ha fornito riguardo la Tenuta de la Selva e l’ex Parco Uccelli.

    Con piacere abbiamo notato che gruppi politici, appartenenti alla destra e alla sinistra, soprattutto giovanili, hanno dato vita a manifestazioni di grande significato alle quali abbiamo partecipato e parteciperemo volentieri, che dimostrano il forte attaccamento a la Selva di Paliano, e il fatto che, per le battaglie che contano, si riesce a superare le differenze di ideologie e colori, per farsi sentire forti nella voglia di giustizia e di vita.

    Un sincero ringraziamento soprattutto a voi, per le sottoscrizioni, il sostegno, il passaparola, gli elogi, i consigli : senza il vostro aiuto non saremmo mai riusciti a fermare il disastro che stava per essere attuato, con il vostro aiuto fronteggeremo questa situazione e tutte le difficoltà che presenterà nei prossimi mesi. Insieme ci faremo sentire.

    Grazie

    Andrea Torcasio

    Associazione Il Grillo Parlante – libera associazione onlus
    http://www.assgrilloparlante.com
    info@assgrilloparlante.com
    assgrilloparlante@libero.it

  5. Gentili Amici del Forum,
    desideriamo innanzitutto ringraziarvi per l’impegno da voi profuso per divulgare la nostra campagna di informazione riguardo la situazione in cui versa la Selva di Paliano.
    Vi illustriamo chiaramente cosa e’ avvenuto e quello che non leggerete mai sui giornali:
    la nostra “battaglia” iniziata con tenacia è servita per capire cosa stava avvenendo alla Selva di Paliano, perche’ tanto silenzio da parte della politica che sembrava disinteressarsi che un territorio cosi’ importante, che aveva visto milioni di persone in visita e che giaceva li’, chiuso e dimenticato e soprattutto improduttivo rimanesse in quelle pietose condizioni. Soli, e ripeto soli, abbiamo iniziato una costante opera di divulgazione del problema tramite i tavoli per la raccolta di firme per il Ministro partiti 1 anno fa che hanno contribuito a vincere, anche se non lo leggerete da nessuna parte, questa battaglia di civilta’, ma dopo tante fatiche, dopo essere stati snobbati da molta stampa e da molta politica, a cui sembrava non interessare il fatto che un pincopallino qualsiasi, comprando all’asta 2 lotti centrali, ad esempio, poteva mettere in crisi l’intero progetto di un giusto sviluppo dell’area. E parliamo di “area”, perche’ il territorio de la Selva comprende, oltre al Parco Uccelli conosciuto da tutti, una zona immensa adiacente sempre di proprieta’ Ruffo che poteva, se non tutelata, essere appetibile a molti. Noi gridavamo (del resto Il Grillo Parlante e’ la voce della coscienza di Pinocchio…) e nessuno ci dava credito. Fino a che, pero’, non abbiamo deciso di affidare al web il nostro grido. E a questo punto, scatenato un putiferio mediatico di trasparenza e democrazia uniche, ci siamo accorti che qualcuno iniziava a prenderci sul serio a dimostrazione del fatto che la politica, che noi vediamo cosi’ distante e distaccata dai nostri problemi, che non ascolta i desideri, le aspirazioni, i disagi dei singoli, deve scendere a patti con la forza dei numeri. 23000 contatti non sono pochi. Non sono pochi per una Associazione che lavora fuori da ogni steccato politico, da qualsiasi tipo di sovvenzione statale, da qualsiasi aiuto esterno se non quello della gente.
    E’stato inevitabile che cotanta forza numerica, grazie anche all’amico Consigliere Corrado Mattoccia di Colleferro che ringraziamo per il tempo che ci ha dedicato, ha imposto alle porte della Regione si spalancarsi e permetterci di ottenere in pochi minuti quello che per un privato cittadino può richiedere anni di fila. Consegnate le firme, mostrato quello che stava accadendo su centinaia di siti, la Regione ha deciso di impedire ad eventuali privati l’acquisto dei territori all’asta nel modo che ha ritenuto piu’ valido, quello cioe’ di iniziare una procedura, tramite l’Assessore all’Ambiente On.Zaratti, per far sì che l’intero territorio de La Selva divenisse nel tempo Monumento Naturale. Una mossa in extremis che pero’ e’ riuscita nell’intento. Ma questo non e’ tutto: a insaputa di tutti, il Comune di Paliano ci avvisava di una seduta consiliare, che si e’ poi svolta il 24 ottobre, nella quale veniva presentato e approvato il piano cosidetto S.T.U dove la sigla sta per Societa’ di Trasformazione Urbana. Ci siamo trovati quindi, a 5 giorni dall’asta, a sapere che il Comune si era mosso da tempo per prendere provvedimenti in merito. Tale progetto, che avremo modo di divulgare in rete nei dovuti modi e nei giorni successivi, prevedeva in sintesi la riapertura del Parco Uccelli e la realizzazione nella parte sconosciuta di un Parco tematico naturale. In tale progetto sono state inserite costruzioni, nel merito delle quali torneremo in altro momento, per un totale di 440000 metri cubi di cemento. Per ora non vi anticipo altro.
    La domanda e’ questa:
    -perche’ tale importante progetto e’ rimasto “secretato” per tanto tempo, visto che non puo’ essere stato redatto in soli 10 giorni?
    -perche’, visto che l’Amministrazione era perfettamente a conoscenza del nostro impegno sull’area, non ci ha mandato per tempo due righe, non un comunicato ufficiale che non pretendevamo, ma due semplici righe sul tipo:”Cara associazione stai tranquilla, perche’ c’e’ un bel progetto che illustreremo alla cittadinanza mesi prima, per il rilancio turistico dell’area?”
    -perche’ la Regione Lazio continuava a fornire fondi per la visita delle scolaresche (25 euro a persona) per un Parco chiuso da tre anni, senza nessuno che la avesse avvisata che di uccelli non ce ne era rimasto mezzo e c’era solo l’immondizia da vedere?
    -Se non riuscivamo noi a smuovere la politica per preservare la zona, e tutta l’area fosse stata comprata per la realizzazione della S.T.U. 5 giorni dopo all’asta, senza alcuna possibilita’ di cambiamento delle decisioni prese dall’Amministrazione, che sarebbe successo? (Ricordiamo che stiamo parlando de La Selva di Paliano e non di una area da risanare)
    Facciamo un esempio comprensibile: il comune di Roma, nella persona del Sindaco, decide di risanare un quartiere periferico con interventi contro il degrado e presenta questo progetto all’ultimo momento alla stampa e ai cittadini. Non credo che nessuno avrebbe nulla da ridire. Secondo esempio banale: il Comune di Roma, per venire incontro alla esigenza della cittadinanza e per sanare il problema dei parcheggi, decide di buttare giu’ il Colosseo e fare un parcheggio multipiano, avvisando i cittadini di Roma (e non solo) fuori tempo utile, non dando possibilita’ di replica ad alcuno. Che dite: non si scatenerebe il putiferio generale?
    Per fortuna stavolta il putiferio siamo riusciti, grazie al vostro preziosissimo aiuto, a scatenarlo, ma non basta: é prevista per l’ottobre 2008 una nuova seduta dell’asta, occasione per speculatori di vario genere di porre le mani sui lotti della Tenuta, e nemmeno lo spettro incombente di una istituzione a Monumento Naturale potrà fermarli. Avremo bisogno, in quella situazione, di pratiche concluse: l’ottimo lavoro dell’Assessore Zaratti dovrà essere portato a termine, e la Selva dichiarata a tutti gli effetti Monumento Naturale. Solo così (e non con eventuali esproprii pubblici che con pochi soldi le amministrazioni locali non sono in grado di garantire) avremo la certezza che i 440 ettari de la Selva, pur cambiando proprietà, non subiranno il processo irreversibile di cementificazione.
    Questo dobbiamo supervisionare noi dell’Associazione aiutati da tutti voi, nuovi iscritti o utenti di passaggio.

    Con angoscia riflettiamo sul fatto che qui si parlava de La Selva, posto conosciuto da tanta gente. Ma quante realta’ di degrado, di cattiva amministrazione, di scarsa lungimiranza verso una produttivita’ ricavata dalle bellezze non valorizzate del nostro territorio esistono e non se ne sapra’ mai nulla?
    Ecco, noi crediamo che l’esempio sia quantomai calzante nei confronti della tematica in questione.
    Questo in poche parole l’accaduto. Ma noi ci siamo messi di punta, grazie anche ai tantissimi consensi, e seguiremo i prossimi interventi e le prossime decisioni di chi e’ preposto a prenderle.
    Le renderemo pubbliche, affinché chiunque sappia cosa i nostri Amministratori e Politici fanno e decidono sulla nostra pelle e sul nostro territorio.
    Grazie alle migliaia di consensi e appoggi che abbiamo ricevuto in questi giorni (fra cui la telefonata di Fulco Pratesi che ricordiamo e’ il Presidente del WWF Italia), possiamo permetterci di dire la nostra con maggiore eco riguardo i tanti problemi che ci affliggono e chi ci legge da Colleferro capira’ benissimo di cosa stiamo parlando.
    E’ vero che “l’unione fa la forza” : l’unione della gente, fuori dai rigidi steccati della politica e volta a risolvere i veri problemi che ci affliggono, vince, e lo abbiamo dimostrato, anche se qualcuno continua a far finta di nulla.
    Noi rimaniamo pero’ con i piedi per terra, continuando a lavorare seriamente, disinteressatamente e silenziosamente come abbiamo sempre fatto. Ma con l’appoggio, il sostegno, l’aiuto di tanti amici che, come voi, ci hanno aiutato in questa dura e difficile battaglia di civilta’, di vero progresso, di giusto sviluppo nel rispetto del territorio.
    GRAZIE A TUTTI VOI E CONTINUATE A SEGUIRCI!!
    Gli amici de
    Il GRILLO PARLANTE
    LIBERA ASSOCIAZIONE ONLUS

    Informazioni e iscrizioni :
    http://it.youtube.com/watch?v=E_hWGEgVH7c
    assgrilloparlante@libero.it
    info@assgrilloparlante.com

  6. Cari amici sono Andrea Torcasio dell’ Associazione Il Grillo Parlante e scrivo per informarvi sugli sviluppi delle ultime settimane.

    E’ un dato di fatto che la campagna mediatica che abbiamo scatenato ha avuto il successo che meritava: migliaia di persone hanno visto il filmato di denuncia, sottoscritto la petizione on line, firmato e inviato e-mail, e tutto questo ha fatto in modo che si destasse l’attenzione del mondo politico sulla questione de la Selva e di conseguenza l’asta del 31 ottobre 2007 andasse deserta. 1 a 0 per noi dell’Associazione il Grillo Parlante, che in questo modo abbiamo visto ripagati tanti sforzi e tanta fatica.
    La partita però non é ancora conclusa, visto che nel 2008 ci sarà una nuova asta : occorre perciò rimanere vigili, e supervisionare all’istituzione del Monumento Naturale le cui pratiche sono state avviate dall’Assessore alle Politiche Ambientali della Regione Lazio Filiberto Zaratti,e solo nel momento in cui le vedremo concluse sarà possibile abbassare la guardia.
    Nel frattempo é bene che conosciate nei dettagli l’alternativa proposta dal Comune di Paliano per la rivalutazione dell’area de la Selva: si tratta di un piano di ampio respiro, visionabile qui http://www.assgrilloparlante.com/salviamo_la_selva.htm sicuramente affascinante ma dagli aspetti negativi troppo rilevanti. Uno su tutti? Previsti 440mila metri cubi di costruzioni, tra le quali un campo da golf, alberghi, campi sportivi e un famigerato “Villaggio Globale della Musica Digitale”, che nessuno in realtà sa bene cosa sia…..
    Quello che sappiamo é che a due passi dal Parco Tematico di Valmontone non abbiamo bisogno di cementificare più di 400 ettari di terreno, e spendere decine di milioni di Euro per edificare qualcosa di inutile e dannoso, che andrebbe a compromettere irrimediabilmente un territorio unico. Allora perché non investire molto meno denaro per un progetto a minore impatto ambientale, che rivaluti la Selva per quello che é, e vale a dire una tenuta meravigliosa habitat ideale per decine di specie animali e vegetali? Secondo noi un piano maggiormente mirato alla salvaguardia dell’ambiente alla lunga porterebbe, come fece già nel passato, un diverso tipo di turismo, un turismo più consapevole che fruisca di strutture maggiormente “digeribili” da parte del territorio e sicuramente meno dispendiose di alberghi, cinema e centri commerciali?
    Se anche tu sei d’accordo con noi dell’Associazione “Il Grillo Parlante” vienici a trovare sui nostri siti e invia la nuova e-mail di protesta al Sindaco di Paliano, per convincerlo a desistere dal promuovere il piano della S.T.U. (Società di Trasformazione Urbana) che farebbe cadere la Tenuta de la Selva dalla padella di uno smembramento in lotti alla brace di una cementificazione irrazionale e selvaggia.

    Grazie dell’aiuto, vi ricordo i nostri links e recapiti

    Andrea Torcasio Associazione “Il Grillo Parlante” – libera associazione onlus

    DA QUESTI SITI PUOI INVIARE LE E-MAIL DI PROTESTA :
    http://www.assgrilloparlante.com http://trattorialidillio.forumcommunity.net
    Il Filmato sulle attuali condizioni di degrado de la Selva di Paliano http://it.youtube.com/watch?v=E_hWGEgVH7c
    La petizione on line http://www.petitiononline.com/SELVA/petition.html

    info@assgrilloparlante.com assgrilloparlante@libero.it

  7. Carlo said

    Veramente un peccato conoscere questa notizia sul Parco, pensate ci organizzavo le gite di Lunedì di pasqua, con il pullman da Chieti quando ero fidanzato negli anni ’80 e poi ci spostavamo nel pomeriggio all’Eur. Adesso dopo tanti anni e con i figli ormai grandi volevo ripropogli la stessa gita con la loro scolaresca e alcuni ex miei amici di quei tempi andati. Che tristezza scoprire che con l’andare dei tempi invece di migliorare il parco è andato in rovina, anche se devo dire che il lunedì di pasqua il Parco subiva un vero attacco da popolazioni incivili e sopratutto sporche, lasciando il parco in condizioni pietose.La stessa cosa mi è successo lo scorso anno volendo visitare la Regia di Caserta di lunedì di Pasqua che haimè era tristemente chiusa perche le solite popolazioni barbariche avrebbero distrutto il parco. Ma làla cosa è diversa perchè se si controlla l’afflusso di gente privandole di barbeque, cestini da viaggio,attrezzi da campeggio,la cosa si poteva risolvere. Per il Parco La selva tutto ciò mi dispiace moltissimo. Se può servire una mano per la ripulita del parco, della serie La Selva Day tutta una giornata per ripulire il Parco(se potrà bastare) contate su di me.

  8. (10 – 4 – 2008)
    Questa é una copia della lettera che l’Associazione “Il Grillo Parlante” ha inviato all’Assessore alle Politiche Ambientali della Regione Lazio Filiberto Zaratti,
    chiedendo notizie sulla promessa Istituzione del Monumento Naturale, a pochi mesi dalla nuova seduta dell’Asta
    (con i prezzi dei lotti ulteriormente in ribasso),preoccupati per il piano di riqualificazione della STU (Società di Trasformazione Urbana)
    promosso dal Comune di Paliano che prevede circa 440mila metri cubi di cemento.
    Per aiutarci potete inviare dalle homepage http://www.assgrilloparlante.com e http://trattorialidillio.forumcommunity.net
    le mail di sollecito
    e di protesta, già disponibili e pronte da inviare con un semplice click!
    Diffondete il messaggio, continuiamo insieme a mostrare lo stato di
    degrado de la Selva di Paliano http://it.youtube.com/watch?v=E_hWGEgVH7c ;
    firmate la petizione online http://www.petitiononline.com/SELVA/petition.html che conta già migliaia di sottoscrizioni
    e non smettiamo di difendere le piccole realtà paesaggistiche dall’abuso e dalla speculazione edilizia.
    Lettera aperta all’ Assessore Filiberto Zaratti
    Onorevole Assessore Filiberto Zaratti,
    chi Le scrive è Vittorio Lupicuti, Presidente de Il Grillo Parlante-Libera associazione Onlus con sede in Colleferro, provincia di Roma,
    Associazione che negli ultimi anni tanto si è data da fare per impedire lo scempio dello smembramento in lotti della Tenuta de la Selva di Paliano.
    Associazione, quella che mi onoro di presiedere, che ha sensibilizzato migliaia di persone mostrando la reale e
    tragica situazione dell’Ex Parco Uccelli di Paliano e ottenuto altrettante adesioni tramite raccolte firme e petizioni online.
    Alcuni mesi fa, grazie al nostro lavoro informativo e alla Sua attenzione, entrammo in contatto e ci fu una svolta epocale :
    quella del 24 Ottobre 2007 è stata una data importantissima per tutti coloro che hanno a cuore la questione de la Selva di Paliano,
    una giornata che ha visto i nostri sforzi finalmente coronati dall’intervento delle Istituzioni.

    Ancora consultabile on line è il Comunicato da Lei firmato:

    Avviata procedura per istituzione monumento naturale Selva di Paliano
    24/10/07 – “LaSelva di Paliano è un patrimonio naturale indispensabile in una zona che è già provata dal punto di vista ambientale”.
    Lo ha dichiarato Filiberto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio.
    “Entro la fine del mese – ha spiegato – andranno all’asta i lotti di terreno della Selva e non c’è alcuna certezza circa il fatto che questi
    territori rimangano a disposizione dei cittadini, come aree verdi. Si tratta di terreni che sono stati messi all’asta
    per ovviare a difficoltà gestionali della precedente proprietà”.
    “Queste difficoltà – continua Zaratti – però non possono essere un pretesto per ledere ulteriormente territori
    che già soffrono dal punto di vista ambientale.
    Per questo motivo il mio Assessorato ha iniziato una procedura di istituzione di un Monumento Naturale,
    per tutelare l’integrità di questi terrritori che sono a forte vocazione naturalistica”.
    “Da molto tempo, infatti, – conclude Zaratti – i cittadini di un vasto circondario utilizzano questa zona
    per le loro escursioni e intere generazioni di ragazzi hanno imparato a conoscere la natura e gli animali
    proprio grazie e questi territori che anche per questa ragione devono essere tutelati con efficacia”.

    (Fonte http://www.regione.lazio.it )

    Con grande orgoglio ebbi la fortuna di partecipare assieme a Lei ad un dibattito radiofonico che e’ possibile ancora ascoltare sul web e,
    felicissimo, la sentii ribadire il progetto di creazione del Monumento Naturale per la Selva di Paliano.
    Sono trascorsi oramai sei mesi dal comunicato emesso dal Suo Ufficio,
    e non è stato possibile ad oggi leggere alcun aggiornamento sulla questione Selva.
    Né sul Sito della Regione Lazio né tramite Agenzie Stampa. Comprenderà quindi, ben sapendo che nel frattempo
    continuano a tenere banco le vicende giudiziarie de la Selva e della Sua Proprietà,
    nonché la promozione della cosidetta STU da parte dell’Amministrazione di Paliano
    (mentre si fa sempre piu’ ravvicinata la data dell’asta con le quotazioni dei lotti che probabilmente hanno subito un ulteriore ribasso),
    le perplessità e i timori che tanta parte dell’opinione pubblica interessata ha cominciato a nutrire.
    Ed è proprio per placare questi timori che Le chiediamo di informarci riguardo l’attuale stato delle pratiche
    per l’Istituzione del Monumento Naturale, e di farci conoscere la data utile per l’ultimazione delle stesse.
    Migliaia di persone, firmatarie delle nostre petizioni e nostre sostenitrici, attendono notizie certe
    sul futuro di questo meraviglioso e unico territorio a due passi da Roma e confidano, come noi ,
    nelle Sue promesse e nella Sua operosità.
    Certi che saprà non deluderci, aspettiamo una Sua cortese risposta.
    Cordiali Saluti
    Vittorio Lupicuti
    Presidente de “Il Grillo Parlante” Libera Associazione Onlus
    Corso Filippo Turati 190b 00034 Colleferro (Roma)
    http://www.ilgrilloparlante-onlus.info
    info@assgrilloparlante.com
    assgrilloparlante@libero.it

  9. Sebastiano said

    Buonasera, mi sapete dire se serve ancora firmare la petizione? se è in corso un’altra? c’è qualcuno che mi sa dire in quale zona della selva precisamente sono state girate le scene del film “Non ci resta che Piangere”?..

  10. La Selva è salva! Tutti gli aggiornamenti sul nostro sito!
    http://www.ilgrilloparlante-onlus.info/notizie/settembre-un-mese-importantissimo-per-il-grillo-parlante

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: