RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Un chilo di carne inquina peggio di un Suv

Posted by romacogitans su 18 luglio 2007

Una ricerca giapponese mette all’indice l’allevamento. Consuma troppa energia

di CARLA RESCHIA

Dall’ennesimo studio sull’ambiente – questo è giapponese e apparirà sul prossimo numero di New Scientist – arriva un colpo basso ai carnivori, soprattutto se si vantano di essere ecologisti: un chilo di bistecca produce una quantità di gas serra maggiore di quella che richiede un’attività evidentemente e pesantemente inquinante come guidare un Suv per tre ore. Lasciando, nel frattempo, tutte le luci di casa accese.

Il team guidato da Akifumi Ogino del National Institute of Livestock and Grassland Science, a Tsukuba, nella sua ricerca ha calcolato il costo ambientale derivante dall’allevamento di bestiame con metodi tradizionali, dalla successiva macellazione e dalla distribuzione della carne. Dimostrando come mangiarsi una fiorentina sia, in pratica, un oltraggio all’integrità della natura. Produrre un chilo di carne, hanno calcolato gli scienziati, immette nell’atmosfera l’equivalente di 36,4 chili di diossido di carbonio, il famigerato gas C02, principale imputato responsabile dell’effetto serra.

Si tratta, in gran parte, di emissioni di metano, rilasciato dal sistema digestivo del bestiame. Molto naturale, ma, ahimè, molto nocivo. E non solo all’olfatto. Ma c’è di più. L’energia necessaria per produrre e trasportare il mangime necessario a nutrire l’animale è pari a quella che serve a tenere accesa una lampadina da 100-watt per quasi venti giorni.

Non sono propriamente novità: da tempo uno dei cavalli di battaglia dei vegetariani sarebbe il minor impatto ambientale dell’agricoltura rispetto all’allevamento e la possibilità di nutrire molte più persone a parità di consumo.

estrapolato da: http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/ambiente/grubrica.asp?ID_blog=51&ID_articolo=314&ID_sezione=109&sezione=News

5 Risposte to “Un chilo di carne inquina peggio di un Suv”

  1. Sì, ma la bistecca è buona e necessaria. Un SUV non serve praticamente a nulla!
    In città usi una macchina normale.
    Fuori al massimo un fuoristrada.

  2. Il senso dell’articolo era però diverso, perché mirava a mettere sullo stesso piano due diverse nefaste attività umane, accomunate però dall’essere voluttuari prodotti del capitalismo: la carne non è né buona, né tantomeno necessaria, a mio modesto parere, e fa più danni che altro, all’organismo ed all’ambiente.

  3. Ok, ma l’uomo mangia carne da sempre.
    Tu mi dirai che l’articolo era mirato al cattivo trasporto/produzione del fabbisogno necessario a nutrire le bestie.
    Su questo punto sono pienamente d’accordo.
    E’ come pensare di utilizzare l’idrogeno, quando per produrlo occorre energia tale da inquinare di più. Un controsenso.

    Però valutare nell’impatto ambientale l’allevamento di bestiame, al momento, è solo confondere le idee da ciò che veramente è nocivo all’uomo: falde acquifere inquinate, smog (perchè non fare auto che vadano con qualcosa che costa 1.370 euro a litro, ma che non mi uccida!), riscaldamento globale (+ fa caldo e + condizionamento serve e più calore introduciamo nell’ambiente). Troppe ce ne sono.

    E’ come dare la colpa alle flautolenze delle vacche per giustificare il buco dell’ozono…

  4. veganissima said

    caro riccardo…me sa che te non capisci proprio una ceppa!

  5. Carnivoro said

    Veganissima, Riccardo ha perfettamente ragione e se le tue argomentazioni sono le offese, dimostri ancor di più che quello che dice è vero e te non sei capace a far valere le tue idee con argomentazioni valide.

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: