RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Meritocrazia all’Italiana

Posted by romacogitans su 6 giugno 2007

Macellaio: Onorevole, è tutto lo ggiorno ghe la sto cercanno, ghe la chiamo alo telefono, ma numme risponne nisciuno. E visto ghe la cosa è di una estrema importanza mi sono venuto de perzona

“Onorevole”: E ghe noi ci abbiamo nu zacco de lavuro da fa, e miga ce podemo da sta sempre a lu telefono! De ghe se tratta?

Macellaio: De lo posto de lavoro ghe me deve lo partito. Io so anni ghe voto pe lo partito, ghe faccio puro la gambagna elettorale, ma lu posto de lavuro quanno me lo danno?

“Onorevole”: ma tu sei pazzo a voler parlare di gueste cose a lu telefono? Vabbè ghe mo stamo na segonna repubblica e tutto se po da fà a la luce der zole, ma io so uno all’andiga… Meno male ghe sei venuto qua de perzona! E caro mio, ma miga è facile, sa? Con questa economia, co le catastrofi fatte da lo antro guverno, ghe ci ha imbucato in tutti li posti de lavuro la ggente sua…

Macellaio: De perzona? So tre settimane ghe vengo tutti li ggiorni, a tutte le ore der giorno ma nu te ce trovo mai? O me digheno ghe stai in riunione (a proposito, ma ndo le fate ste riunioni, ghe null’ho trovata sta stanza qua?), poi me digheno ghe stai in missione, e poi ghe ci hai da fa cu lo sindegato… Communque, me dovete da truvà nu posto de lavoro, perghè me su rutto de fa pe finda sembre li gorsi profissionali dela reggione, perghè me pagheno pogo… Nu posto de lavuro me lo merito, doppo tutti questi anni ne lu partito

“Onorevole”: vediamo guello ghe posso da fare con te… solo perghè sei un amigo e ti sei comportato sembre bene co noi… vediamo [e apre un grosso faldone impolverato che aveva sulla enorme scrivania ]… Sendi um bo, te potremmo fa endrà a la Giemma, ma solo co nu contratto de sei mesi… e poi ne riparliamo… sai ci saranno presto altre elezzioni, e po puro da esse ghe le cose ce se metteno mejo pe noi… però nun te posso promette da gnende, za!

Macellaio: E no, sa! Freghete! E miga me potete da nu gontratto da serie b, e no! Guello dateceglielo a chi nun c’ha abbisogno come me! Io ci ho famiglia, sa, la bambina da tirà avanti… Te lu chiedo peffavore [e si mette in ginocchio]. Nun potete lassamme nu mezzo a la strada, accussì [comincia ad abbozzare un pianto].

“Onorevole”: Eh, eh, va bbuono… alzadi, alzadi… sendi, ma tu ce la hai la lauria?

Macellaio: La chi?

“Onorevole”: La lauria, quella ghe ti danno alla univerzità. Ce lo sai, no? Quando paghi la università tutti li anni e doppo te danno quel pezzo de carta ghe serve pe fa li cuncurzi….

Macellaio: No, no, nun ce la ho… tengo solo la quinda elemendare… fatta puro coli cursi serali…

“Onorevole”: allora, lu probblema è ghe come posto sicuro qua ci abbiamo solo quello de professore de inclese ne la squola media Giovanni Falcone giù in paese… però me dispiace, ci vuole la lauria prima… nun poi fatte rigonoscie li crediti da quargheduno e pijatte sta benedetta lauria?

Macellaio: ma prima me devo pija lu diploma…

“Onorevole”: E a ghe serve lo partito? Tu nun te prioccupà ghe lo esame da privadista te lo famo passà noi… però pe la lauria devi annà da uno de guesti endi privadi… lu conosci lu Ceppiù, guelo de la pubblicità co guel giocatore de la mia squadra del quore, guela tanto forte ghe ha vindo sembre legalmente? Sì, Dalpero… Mbe, ci è lo professore Giovanni Russo dà Università Santa Assunzione ghe ne sa più mejo de me… ha da annà a parla co lui…

Macellaio: ammazzeve ghe cose gombligate… mo da guanno n guà ci ha da avere la lauria pe fa lo prosessore a squola… aspetta, lo professore de ghe? De inclese? Ma io nun barlo na parola de inclese! Nessuno me lo ha mai imparato!

“Onorevole”: ih, guando si cumplicado tu! Tu ti presendi allo esame pe la licenza de geometra a fine mese, e li te digo ghe ci penza lu partito, e poi doppo ci vai a parlare co lu professore della Assunzione e vedi ghe la lauria te la danno in poco tempo… tu nun aiudi a vende carne a lu mergado? Mbe, li grediti bboni ce li hai, siguro ghe una bella lauria in economia e commercio te la meriti propio. E se nun barli inclese ghe pubblema ci è? Tando ogni tando ti dai malato, prendi permessi sindacali, e a squola non ci stai mai…

Macellaio: è vero… ah, ghe fortuna avere amici come voi… la rigrazio tanto vossignoria [e gli bacia l’anello].

“Onorevole”: nun ci è problema, fà piacere a noi del partito aiudare come pozziamo la gente ghe merita come voi. Ma mi raccomanno, agua in bocca sa!

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: