RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Il partito della pagnotta

Posted by romacogitans su 13 maggio 2007

Alcune domande mi ronzano per la testa: ma gli italiani hanno valori? Sono coerenti con le loro affermazioni? Praticano veramente le ideologie e le religioni che dicono di professare? In altre parole SONO PERSONE SERIE? E’ idiota oggettivare un discorso del genere, ma magari partendo da piccoli casi uno una idea se la fa.

Tanto per fare un esempio, sono a conoscenza di un caso che al di fuori dei nostri confini avrebbe dell’assurdo, ma che a noi smaliziati romani può sembrare solo sintomatico. Protagonista della storia che mi è stata confidata (la fonte è sicura, e poi perché dubitarne? E’ storia tutta italica!) è una famiglia di stramega-comunisti, gente che voterebbe pure Pol Pot semplicemente perché si presenterebbe come di sinistra.

Ebbene, l’intera famiglia – TRANNE UNO, perché non ha fatto in tempo – per trovare lavoro si è fatta raccomandare (imbucare) nella Pubblica Amministrazione dall’unico “santo in paradiso” che avevano, un parente di Alleanza Nazionale! Malgrado questo, continuano a gridare la mondo LA LORO RAGIONE (l’ideologia è come una religione: non ci sono ragioni, ma una sola ed unica ragione) impunemente col pugno chiuso alzato. Non è l’italiano estremamente creativo (leggi pure IPOCRITA, ci sta tutto)?

Il povero che è rimasto fuori da questa prassi spartitoria (al sud la etichettiamo come mafia) lo deve ad una situazione paradossale: la vittoria alle ultime elezioni del CentroSinistra! Ovvio, appena arrivata la legittimazione popolare, s’è levato il grido “avanti o miei Prodi!” e da parte dei cattocomunisti è partito l’assalto ai posti di lavoro…

Ecco quindi spiegato perché ci sono tanti imbecilli (di destra o di sinistra) che portano a casa – impunemenete – la pagnotta!

Accantonato il mio “dilemma” sulla moralità degli italiani, che preferisco lasciare sospeso, sorge un profondo quesito da sottoporre ai nostri concittadini che nel cervello hanno solo le rime di “faccetta nera”, “bella ciao” o anche il cattolico “Credo”: il mio gatto non fa un cazzo tutto il giorno… dorme, sonnecchia, mangia e si riposa… al massimo cambia giaciglio per trovare un posto più idoneo dove poltrire… sarà di DESTRA o di SINISTRA?

Per me è solo PARACULO, come quelle migliaia di mantenuti (politici, dipendenti statali), imbecilli ideologizzati che vomitano sentenze col breviario (rosso, nero, cattolico) sotto il braccio, ma la cui unica priorità è riempirsi la pancia… però loro – a differenza nei nostri amati mici – senza darci un minimo d’affetto…

VOTA ANTONIO!

2 Risposte to “Il partito della pagnotta”

  1. nuvolepensierose said

    Non ho parole: tutta una famiglia di “rossi” imbucati grazie a un parente “nero”. Effettivamente è una vicenda tutta italica!

    Secondo me gli italiani non hanno valori. Presi singolarmente, possono anche essere delle persone speciali, ma insieme sono l’esempio perfetto del popolino: stupido e ignorante, che si fa manovrare dalla demagogia dei politici di cui (purtroppo) disponiamo.

  2. O forse è la lotta per la sopravvivenza in una giungla che non ha nulla del Paese civile che tanto strombazziamo essere…😦

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: