RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Ho visto cose che voi romani non potreste immaginare…

Posted by romacogitans su 20 gennaio 2007

Alla faccia del machismo!Ho visto cose che voi romani non potreste immaginare… macchine relegate solo in alcune strade, mentre priorità hanno la costruzione di piste ciclabili, poi i corridoi per il trasporto pubblico (tram o autobus) e solo dopo, se c’è spazio, viene fatta la strada per le automobili, perché nel remoto fututo, nell’Olanda 2006, sanno bene che nella mobilità la offerta genera la domanda, e più strade si costruiscono, più traffico si crea.

6 bambini in carrozzinaE ho visto passeggini per trasportare fino a sei bambini, donne che la mattina caricano i loro bambini su apposite biciclette con “carretto” per portarli a scuolaMamma 1, dei parcheggi multipiano per sole biciclette, migliaia di biciclette.Mamma 2

E tutti quei momenti, accaduti nel lontano futuro 2006, per voi andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.Parcheggio

È tempo di morire, che significa incaponirsi a passare la vita in macchina (732 auto ogni mille abitanti, neonati e moribondi compresi!), e continuare a votare Storace e Rutelli, Berlusconi e Prodi… a vivere come ora, in questo medioevo…

8 Risposte to “Ho visto cose che voi romani non potreste immaginare…”

  1. Laura said

    Bravissimo ! complimenti.
    Ciaooooo
    Laura

  2. Mauro said

    Davvero un mito! Meglio di quelle foto non potevi dare l’idea!

  3. Riccardo Biscossi said

    Sono stato a Londra e devo dire che in parte è davvero così.

    Mi sono meravigliato nel constatare che le macchine parcheggiate erano pochissime (per pochissime intendo proprio pochissime e su pochissime strade – roba da “1 a 100” se confrontato con Roma).

    E vedere strade pulite e corsie delle biciclette nel centro di una grande città come Londra è veramente (e meravigliosamente) strano.

    E non venitemi a dire “a Londra c’è la metro”. Sì, “the tube” è una mano santa, ma anche mettere le macchine fuori dalla città lo è… e non vedo i londinesi stressati come noi romani….

  4. freebike said

    Quanto è vero e triste per noi, non si vedranno mai cose del genere a Roma. La nostra classe dirigente di dinosauri è tromboni ti risponde che il nostro è un altro sistema… si legge e si scrive: far collassare Roma.

  5. Ecco cosa si vede a Roma, invece:

    http://www.ganahl.info/roma.html

    Tutto ripreso da una bicicletta…

  6. freebike said

    Da altro blog
    Tokyo

    Tornati da 2 giorni da Tokyo realizziamo che la ipermetropoli (arrivata a 35 milioni di abitanti con la fusione di yokohama nel 2005)ha attivato da anni la lotta al traffico auto con:
    – I parcheggi auto sono minimizzati ovunque per disincentivare l’uso auto
    – Documento numero 1 per acquistare un auto è la proprieta di posto auto, box, parcheggio interno personale altrimenti non puoi comprarla.
    – Il 70% delle persone usa come mezzo di spostamento la bicicletta prima di treno o metro
    – Il 35 % della percentuale sopra ha oltre i 65 anni.
    – Le bici vanno praticamente ovunque i marciapiedi sono percorsi ciclabili.Le strade
    accettano le bici in ogni dove.Le zone residenziali hanno spesso nelle strade piccole ali di tartan di 1 metro a dx e sin per le bici.
    – I parcheggi delle bici sono immensi anche di 5 piani come quelli auto, minimo 4 per ogni stazione metro, con biglietti e lucchetti e sosta a tempo http://www.flickr.com/photos/platform3/61655813/
    Bike Train Station
    – Divieto assoluto! di parcheggio auto sulle strade a scorrimento.
    – Molte aziende hanno al piano terra le doccie ed i bagni per cambiarsi per chi va a lavoro con la bici.
    Roma come le grande metropoli europee, deve riuscire ad incentivare l’uso della bici per decongestionare il traffico.Il problema non è tecnico ma culturale e di pigrizia mentale.
    Roma ha i sette colli ..godibilissimi con un cambio shimano a 18 rapporti..abbasso le scuse!

    Possibile che a Roma non ci sia una mente carismatica che porti avanti queste idee, non c’è bisogno di inventare nulla, basta solo copiare. Qui siamo sempre impegnati ad assolvere i desideri speculativi dei neo e post palazzinari con inutili parcheggi che servono solo a chi li costruisce e a condannare Roma, al modello sociale della motorizzazione individuale, per sempre.

  7. Grazie mille per i tuoi interventi FreeBike: davvero molto interessanti!

  8. tippitappi said

    hai ragione!!! anche io ho comprato un cariolino per i miei due bimbi, e odio la macchina! diamo il buon esempio🙂
    ps: ho linkato questo tuo post al mio blog!
    ciao!
    Jenni

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: