RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

    Annunci
  • . . Cicciobellus Homo Providentiae . Scegli sindaco
  • Nota per Levi-Prodi-Gentiloni sul ddl del 3 agosto 2007

    Questo Blog non è un prodotto editoriale, ma un diario che permette di sfogare le frustrazioni di abitante di una città da terzo mondo e cittadino governato da malfattori e farabutti come voi. Questo Diario-Blog non ha niente di paragonabile a prodotti “di informazione, di formazione, di divulgazione, di intrattenimento”, ma è piuttosto una forma moderna per non finire attaccati ad una bottiglia di Whisky per dimenticare lo squallore romano e italiano in cui ci state gettando... Insomma, bamboccioni miei incollati sulle Poltrone, esprimere e scrivere le mie idee per me rappresenta una forma terapeutica che regolarizza il mio battito cardiaco e tiene sotto controllo la pressione, oltre alle palle che rallentano il loro vorticare… Chi mi vuole staccare la spina dovrà vedersela con la CEI e il Papa! ;)
  • Commenti recenti

    Perché NON si può vo… su Sette piani di convenienza, pe…
    Perché NON si può vo… su Con la bici non arrivi in uffi…
    Perché NON si può vo… su Promesse di ferro, ma Roma è r…
    Perché NON si può vo… su Ministeri, in arrivo il piano…
    Perché NON si può vo… su Il negazionismo rutelliano
  • RSS Articoli da Blogs a Roma

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • Categorie

  • Archivi

  • Libro bianco sulla città di Roma

  • No alla festa del cinema!

  • Dove sono finiti i fondi della finanziaria 2007 per il Software Libero?

L’erba del vicino che entra nel nostro giardino è sempre più marcia

Posted by romacogitans su 14 gennaio 2007

Un vicino ti suona alla porta, tu apri e lui taglia la gola a te, tua madre e tuo figlio perché (per chi abita sopra l’Arno: “perchè”) il piccolo sta piangendo, e già che ci sta ammazza pure un’altra del condominio. Alcuni mesi prima in una diversa zona un manovale ti fa qualche lavoro in casa (per i nordici: “caza”) e poi ti sequestra il figlio (Tommy), lo ammazza con una badilata e ti chiede dei soldi per il riscatto. Ecco, questo sono solo alcune delle più recenti efferatezza che hanno macchiato quel Paese che i giornalisti del nord perseverano nel chiamare “Itaglia”, crimini che sono stati commessi da italiani (per i “padani”= “itagliani”). Se vogliamo allontanarci dagli eventi più tragici ma parimenti scioccanti per un Paese che ancora ha l’alterigia e la sfrontatezza di definirsi “civile”, cosa dire dei morti al Policlinico Umberto I di Roma che vengono scortati da addetti della sicurezza armati perché i cadaveri venivano derubati delle cornee? Ritenete che entrassero gli zingari a cavare gli occhi ai morti, o forse è più credibile pensare che gli sciacalli fossero dei chirurghi dello stesso ospedale?!?!

Il pericolo, sembra, ce lo abbiamo in casa, e sbandierare l’afflusso di stranieri come inizio della fine sa molto di propaganda, tanto per mascherare magagne o inciuci che non devono venire a galla. Una propaganda che però non deve far perdere di vista la serietà della situazione. È innegabile che l’apertura delle frontiere ad Est ed una massiccia immigrazione clandestina porti all’entrata nel territorio nazionale di disperati. La maggioranza è (si spera!) brava gente, ma costituiscono sacche di povertà che si riversano su un territorio già povero, abitato da italiani che ora hanno difficoltà a sbarcare il lunario, quella “fu classe media” – fiore all’occhiello dell’Italia da inflazione al 15% – che è stata annientata dai profittatori dell’Euro.

La fame, l’istinto alla sopravvivenza spinge chiunque a scendere a patti con il diavolo pur di non tirare le cuoia, e la legalità spesso non è la strada più semplice da perseguire per questi nuovi “ospiti”. Inoltre quando l’immigrato proviene da una cultura intrisa di delinquenza – cultura che ben conosciamo qui in Italia (per i nordici: sì, è sempre l’Itaglia, quella strana “espressione geografica” che contiene la Patria Padana), con le speculazioni finanziarie dei monopolisti a nord e Mafie al sud – il gioco è fatto! Anche in Italia due più due ogni tanto fa quattro, non bisogna mettere la testa sotto la sabbia!

Non facciamo di ogni erba un fascio, ma non è affatto improbabile che tra i milioni (“miglioni” in longobardese) di stranieri che si riversano in Italia, molti vengono portati dalle circostanze a commettere atti criminali. Le circostanze, le contingenze, le opportunità illegali per un immigrato in Italia sono innumerevoli, tante quante la necessità di sopravvivere e l’improbabilità di trovare un lavoro onesto. Lungi da me creare alibi e giustificazioni, il mio è un grido d’allerta! Questi stranieri vengono attratti da un mito irreale: magari vedendo via satellite i nostri canali TV nel florilegio di tette e culi sempre ben sventagliati pensano di trovare un Paese opulento, avanzato, ricco e all’avanguardia, mentre poi si ritrovano solo in uno Stato che l’unica cosa che ha di bello per chi vi soggiorna illegalmente è la mancanza di strumenti per applicare le leggi, l’illegalità inveterata nella cultura, un Paese dominato dal caos, dove la Polizia non ha nemmeno la benzina per le proprie automobili (succede a Palermo, zona tranquilla, senza necessità di polizia e inseguimenti a malviventi).

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: