RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Er Natale ‘n famija

Posted by romacogitans su 9 gennaio 2007

Er Natale… ebbene sì, so’ passate ê feste de Natale… E puro ‘sto Natale sô semo torto daî cojoni! Er solito Natale, quô ‘ndo’ so’ tutti contenti.. so’ tutti felici, so’ tutti più bboni… mentre a mé me rode ‘r culo e divento ancora più stronzo, si è possibbile…

A Natale te se riempe â casa de parenti, zzii, zzie, cuggini, cuggine, nipoti, nonni, prozzii, prozzie, de tutto, gente che vvedi solo pe’ du’ motivi, ê feste o î funerali! Tocca méttese î cartellini sur petto pe’ ricordasse î nomi.

Se comincia er 24 dâ matìna appena m’arzo mi’ madre parte câ tiritera.. Scenno, manco me siedo pe’ fa’ colazzione che parte â lagna: “ricordete che ‘r 24 è viggilia, quinni er 24 pesce” … mâ guardo ancora ner zonno: “a ma’, sto a fa’ colazzione, posso magna’ î biscotti o devo ‘nzuppa’ ‘na spigola nel latte????” Poi chi cazzo l’ha deciso che er 24 è pesce? Perché? si me magno ‘na sarciccia a chi cazzo do fastidio? ‘Sta cosa nâ sa nessuno, ma è così.. inzomma a casa ce sta n’armata de affamati, gente che pare che nun magna da ‘na vita, aspetteno er Natale cor veleno, da metà Novembre stanno a ‘nzalatine pe’ nu’ rovinasse l’appetito.

Oramai a casa mia nun fanno più â spesa ar dettajo. L’anno scorzo hanno preso 23 mq de mediterraneo e 13 mq de mar bartico.. te dico solo che mi’ nonna stava pe’ ‘nfarina’ e frìgge er Capitan Findus, sto cojone se trovava a passa’ nô spazzio de mare che s’eravamo comprati, lui co’ quer cazzo de peschereccio azzuro. C’è gente che conosce î peggio trucchi, de solito a cena dopo un par de portate se slacceno â cinta, mi’ zzio l’anno scorso pe’ ‘ncula’ î parenti s’è presentato ‘n tuta, così nun comprime e pò magna’ de più.

 cena score, se finisce de magna’, è l’ora dî regali… in tutte ê famije ce sta quella che vo’ fa l’istruita – hanno fatto â seconda elementare pe’ puzza – e senti tipo mi’ zzia che da e’ regalo ar marito dâ sorella e je dice “tieni un ber CARDIGAN!” … che mi zzio c’aveva paura fosse ‘n cane da riporto der Caucaso… ha aperto co’ terore, poi co’ ‘n zospiro je fa: “ah… ‘n majone chî bottoni! M’ero preso ‘na paura!” Sempre lei è quella che fa î regali ‘mpegnati ai nipoti. Viene e te fa: “tieni ‘n bel libbro, che â curtura è importante!” “Sì zzi’, sarà puro importante, ma si me regali î 3 moschettieri che c’ho 35 anni che cazzo de curtura vòi che me faccio???” Ma â cosa più bella che va contro tutto quello che ce viene detto ‘n televisione so’ î regali dâ nonna. So’ anni che sentimo di’: “co’ l’euro tutto è aumentato, quê che erano 5 mila lire mo nâ nostra mente so’ 5 euro…” sì er cazzo che te se frega! Mi’ nonna me regalava 50 mila lire prima, mo uno se aspetta 50 euro? No, te se presenta co’ ‘n pezzo da 20, un pezzo da 5 e poi 50, 20 e 10 centesimi, che te verrebbe da daje ‘na sediata! Mi’ nonna è â vera risposta italiana ar problema euro.

La ggente se ne va a casa. Ma ‘r peggio deve da veni’: er peggio è ‘r 25! Â notte io nun ce dormo, so’ teso, ‘mpaurito. I preparativi pe’ ‘l 25 parteno dall’immacolata: se riunischeno ê donne e se métteno a decìde “che famo, che nun famo?” Agende co’ ê ricette, idee, puntate reggistrate dâ prova der cuoco. Poi â fine se finisce sempre a magna’ ê stesse cose. Te arzi â matina, entri ‘n cucina, e tê vedi lì manco stessero a sperimentà â fusione a freddo! Appena provi a entra’ te fanno: “CHE VOI!?!?” “Gnente, che vojo… ‘n bicchiere d’acqua!” “NO, ASPETTI!!!”… manco î vietcong ereno così… Poi pare sempre che è successo quarcosa… so tutte câ faccia disperata.. te spaventi, ce stai male e domanni “che è successo???” “Lascia sta’…”; come lascia sta’? Vojo sape’! Se so cose dâ famija ho ‘r diritto de sapello!!! Te guardeno câ faccia distrutta: “â besciamella ha fatto î grumi…” MA ANNATEVENE AFFANCULO VOI E Î GRUMI! Da 30 anni er 25 c’ha er menù fisso, e nun solo quello. Â cosa peggio che pò accade’ è ‘r doppio tavolo, uno peî grandi e uno peî piccoli. Dava ar cazzo da ragazzino, ma adesso me fa proprio smadonna’!

L’urtima vorta se semo ritrovati ar tavolo che ‘r più piccolo c’aveva 25 anni, gente che è ita ‘n guera, gente co’ du’ divorzi! Però sei sempre relegato ar TAVOLO DEÎ PICCOLI! l’unica cosa è che da du’ anni a ‘sta parte ce danno puro î cortelli! Se magna, e noti che ‘r fratello dô zzio che ‘r 24 c’aveva â tuta s’è presentato câ tunica che ha ‘nculato a ‘n lavavetri ar semafero: sotto è rigorosamente nudo, ché ê mutande segheno. E c’ha â faccia contenta! Ha’ capito sì, che stratega… er Bonaparte der colesterolo!

Er pranzo finisce, se conteno î superstiti… se sparecchia, se laveno î piatti e poi? E poi se ggira er mollettone e da bianco diventa verde, se comincia a gioca’ a carte!!! E a che se gioca? A sette e mezzo? NO! Se gioca a BBESTIA!!! Er gioco dell’infamità! Tutti contro tutti! Er momento tipico ariva co’ ‘n piatto de ‘na quarantina de euri.

Comanda coppe, te c’hai er 3 secco, bussi, sei de mano, te senti ‘n leone!
Bussa solo tu’ nonna. Te dici: “nonna me vo bbene, m’ha cresciuto, sto tranquillo…” Cambi du’ carte, nun t’entrano altre briscole ma t’entra ‘n carico… ‘n po’ de paura ce l’hai ma ostenti sicumera… â vecchia nun deve intravéde er minimo turbamento ‘n te: so’ come î cani, senteno si c’hai paura… Parti: lanci er carico a danara, tu’ nonna tô magna cor 2 de coppe; cominci a suda’ freddo, e te dici “no, nun c’ô pò ave’, no, numme pò dì così sfiga…” e ‘nvece che fa? Cala er coppone!!! Poi cô sguardo finto dispiaciuto te dice : “è ‘r gioco…” te butti er 3, smadonnante. Nun contenta butta er 5 a spade, che te c’avevi er 4. Inzomma tu’ nonna t’ha mannato in bestia! M’ha fermato mi’ padre appena ‘n tempo, jâ stavo pe’ da’ ‘na lamata! E che cazzo! già me fai î regali der cazzo, poi te li ripij puro? Poi dici li metti â’ospizzio…

Giocanno giocanno se fa ora de cena, parte â domanna retorica: “quarcuno cena?” e c’è gente che ancora c’ha ‘r coraggio de di’ de sì. Poi che vordi’ ‘sta divisione cena-pranzo-cena? Io so’ sicuro che l’anno scorzo mi’ zzio s’è messo a séde er 24 s’è rialzato er 2!

Arriva l’ora de salutasse e parte â solita frase: “se vedemo troppo poco, tocca organizza’ più spesso!!!” Vedi tu’ nonno che se fa du’ conti e dentro de sé dice: “aò, contanno che ‘r Natale vie’ ‘na vorta l’anno, la prossima occasione che deve da èsse?” E allora, grattannose î cojoni, je parte co’ ‘n sonoro ANNATEVENE UN PO’ AFFANCULO!

Però, che bello er Natale ‘n famija…

3 Risposte to “Er Natale ‘n famija”

  1. Ciao .. passavo😀 di quà .. carino e divertente questo post .. ma non sapevo che parlavi così bene il Romano !
    Laura

  2. Scusa sono sempre io. Mi sono dimenticata una cosa, anzi volevo darti un piccolo consiglio.
    Togli dalla prima pagina il “Perchè” altrimenti sembra un blog immobile, e per sapere se ci sono cose nuove occorre andare in giro a curiosare … ma ci sono persone pigre .. lo sai !! Ari-ciao.
    Laura

  3. […] Dall’ “emergenza” rifiuti che dura da 14 anni a Napoli al ministro dello Stato Vaticano Ruini che promuove crociate contro l’aborto, le cosa più serie e soprattutto realistiche che mi vengono in mente sono le due barzellette che pubblicai lo scorso anno, una su Babbo Natale e l’altra sulle ubriacature glicemiche di fine anno. […]

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: