RomaCogitans

Un serbatoio di idee per chi ha a cuore le sorti di Roma

Open letter to the Open-Source Community

Posted by romacogitans su 26 giugno 2007

Dear all,

I am a part-time Linux user, I mean just a final user and not a programmer nor an IT expert. I would love to get rid of MS for good, but sadly enough Linux is not always compatible with some hardware (I cannot use my external NTFS HDD, nor my ADSL Modem) nor with some software.

I am asking for your attention just because I want to share with you some considerations, critics, ideas that might be useful to further developments of the Penguin, especially because they just come from a final user, somebody who sees PCs just as tools for rapidly executing some tasks and not a problem-making machine for trialling my informatics skills, which I do not have.

1) Towards a remote-controlled PC. Sometimes I browse through some Linux blogs, and honestly I feel speechless, because my impression is I am dealing with a sect: open-source, all right, but closed-community. Guys, if you do not consider PCs as mere instruments of a new religion, I fear most of you have to change mentality, philosophy, and goals, otherwise you will leave everybody but an informatics guru out. The tendency for mass-usage of a PC must have TVs and the first mobile phones as examples: one-click usage, that’s it! We should not forget that the trend is leading to the integration of PCs with the digital TV, the Hi-Fi, telephone, game console, video recorder, because at households the Media Centre will replace the PC, hence everything should/will be used mainly by a remote control, sometimes a joystick, rarely by a keyboard, and, in the case, just for writing messages, letters, etc. So, RULE NUMBER ONE: forget the command line and the compile-thing as a tool for final users!

2) New PCs. Microsoft is successful mainly due a marketing strategy, because most of PCs have Windows pre-installed, but we, Open-Source & Linux community, have missed an amazing chance offered us by the changing of the Hardware market: laptops are still a priority of giant producers such as HP, Dell, Toshiba, etc, but the Desktops PC oligopoly disbanded! Big corporations keep on buying desktops from majors – because they prefer to avail themselves of their helpdesks – but small companies and normal consumers most of the times buy assembled PCs at a medium sized PC vendor/assembler or even at the “corner shop” run by some IT geek. There you go, where the chance comes out! Why small PC builders and vendors do not pre-install Linux on those machines? End-users are lazy, so they probably would prefer to keep Linux (an extremely user-friendly version of Linux) running, instead of buying/cracking some Windows OS and installing it. Give something for free to somebody, without giving him/her any hassle: that is the best present you can offer. Think about it!

3) The importance of the territory. It is true that we are fascinated by the concept of virtual reality and remote interaction/consultancy, but I truly believe that spatial vicinity is a must, especially when – directly at a shop/warehouse – there is the necessity of installing an OS on a blank PC. The spreading of so many different Linux distributions on the planet is warranty of a presence of some helpful Penguin on the territory, whilst Microsoft is simply too far away.

That is an extraordinary chance for the dozens of Linux Software Houses around the globe! A small PC producer/assembler can easily cooperate with a Linux software company in his area, which can send over a technician for counselling the better hardware to use and combine for building a Linux PC, and later for the installation and configuration of the whole system. Moreover, once you buy your Linux PC you should also get a list (updated on an internet URL) with all the compatible hardware one can buy and use with the PC.

The strategy might be successful especially for the help and consultancy those companies can provide to those small producers and later on to the final users. For instance, to boost the market, Linux Software Houses or their representatives & local consultants can offer a one-year warranty & consultancy for free by telephone (VoIP) to final users! Men, this can be our Big bang!

4) Old PCs. Everything I wrote so far was a strategy intended for new PCs, but what about the old ones? Of course there are thousand of companies and people who change a PC every couple of years, but in respect of ecology, sustainability, dignity, and why not?, our bank account, why not recycling old PCs installing brand new low-resource-consuming OSs? The idea is that the Community should create a tiny .exe (yes, windows executable) – a massive database on any Linux OS and Software available (or better, of the companies that are willing to share the project), with their characteristics and hardware compatibilities – capable of analyzing the architecture of the computer where it is running, compiling a list of compatible Linux OS and software and ideally – after the PC owner makes a choice among the different available options/packages – connecting to the internet for installing the required OS together with the chosen packages, which are a variety of different applications selected by the software according to the characteristics of the analyzed PC.

Please, take a look at this survey (both in Italian and English)

Per l’Italia, c’è questa interessante petizione.

About these ads

13 Risposte to “Open letter to the Open-Source Community”

  1. Lazza said

    Interessante, tuttavia queste sono cose dette spesso. In realtà la più grande nostra nemica è l’ignoranza delle persone.

  2. Flavio said

    Ciao, sono programmatore di professione e uso Linux da anni. Hai messo molta, forse troppa, carne al fuoco per discutere di tutto… Ti scrivo solo alcuni commenti in ordine sparso:

    I cannot use my external NTFS HDD

    So che da poco l’NTFS è supportato sia in lettura che scrittura… Ma è un po’ come dire Windows non legge il mio disco formattato EXT3… Anzi, molto peggio visto che per l’NTFS ci sono voluti anni di reverse engineering, mentre l’EXT3 è ampiamente documentato. Fai un favore agli sviluppatori opensource e togli quel maledetto filesystem dai tuoi dischi :)

    forget the command line and the compile-thing as a tool for final users!

    Qui rischi di cadere nell’errore di chi considera l’utente un imbecille. Va bene non utilizzare la CLI per task elementari, ma il alcuni casi avanzati è l’interfaccia utente più semplice da utilizzare. La CLI non è qualcosa di antiquato, è solo un approccio diverso e molto potente.

    In generale il tuo discorso è molto giusto, ma non dimenticare che usare software libero comporta anche un piccolo cambiamento nell’atteggiamento verso la tecnologia. Da completamente passivo a quasi completamente passivo!

  3. E’ tutto vero anche se,effettivamente già sviscerato. Del resto ti ricordo l’iniziativa di Dell che adesso vende pc con installato ubuntu(riguardo il punto 2). Per quanto riguarda il punto 3 esistono sempre più rivenditori che ti permettono di avere Linux su un computer nuovo e/o offrono assistenza a riguardo.Il fenomeno non è così dilagato,ma esiste. Io credo personalmente che la diffusione di Linux cominci a prendere piede,anche se lentamente, nel campo Desktop…per il server è un altro discorso,lì siamo sempre stati a buon punto. se vengono fuori più società come Canonical o anche Trolltech perchè no,riusciremo a vedere la luce. Ho visto anche alcune interessanti iniziative nell’ambito dell’amministrazione pubblica Italiana…piccole ma ci sono.Per il primo punto…è vero,si fa ancora largo uso di command line,ma a seconda della distribuzione (Debian,Ubuntu,Fedora,le RPM-based e in certo senso anche Gentoo ma lì è prorpio un’altra cosa),ci si può scordare della compilazione.Si può vivere felici con pochi click. Diverso il discorso della configurazione che,se anche ben documentata nella maggiorparte dei casi,prevede sempre una qualche mano alla console o ad un file di testo…la direzione verso l’usabilità e l’user-friend però è già stata presa però.

  4. aniceweb said

    Ciao,
    lanci spunti interessanti, ma purtroppo non tutto dipende dalla comunità open-source, essa non ha le risorse economiche e politiche per fare ciò che dici. Le aziende potrebbero venirle incontro in una maniera più incisiva, ma se fin’ora oltre Windows l’altro sistema operativo consumer è solo Mac ci sarà un motivo…
    Ubuntu sta rivoluzionando tutto, è facile, semplice e sta avvicinando sempre più persone a Linux. Non serve essere un guru per utilizzarlo anche se alle spalle ha dei meccanismi non proprio semplici. Tali meccanismi cozzano con la mentalità del ”tutto e subito”, con la mancanza di voglia di imparare.
    Per quanto riguarda il territorio, i vari Linux User Group sparsi in Italia sono una manna proprio perchè lanciano campagne di sensibilizzazione e di recupero PC…

    insomma la comunità fa quel che puo’…

  5. lillipuziano said

    I’ll answer you shortly point by point:

    1) Linux has become much easier to use on those days and that’s a fact! Now, you don’t need to mess around the web to look for the drivers for your hardware, ’cause the Kernel itself provides you with the support for the latest peripherals, of course if it is made possible by the collaboration of manufacturers and independent open source technicians. About your NTFS HD, linux can automatically read its data & now (simply installing a package in many distros like ubuntu) also write on it. I use an external hd from Wester Digital and it works fine! Remote controlled pcs? Well, that’s not as easy as it might seem, but Gnome has become more simple to use than the windows default interface or many think so.

    2) We’d love to see linux preinstalled on new Pcs! Recently, Dell started a collaboration with Canonical (the company that produces Ubuntu linux, the most used flavour of linux for desktop pcs) andhas become to sell in the U.S. computers with Ubuntu! We hope it’ll show the way to many more companies as we think that the future is full of open source!

    3) I agree. Didn’t you notice that Pardus, a well known linux distro made in turkey is now more and more used also in many other countries? This implies they don’t have to pay high royalties to the software industries like Microsoft. It’s a huge opportunity to grow!

    4) Yes, let’s talk about that, then!

    After all, thanks for your interest in the open source community & welcome to the free world. Remember, the most important part is about ignorance. I always repeat this example: how many people just know that exists a free alternative to Microsoft Office? Less than the 10% of computers run this wonderful office suite. That’s a fact and that’s why we have to fight to widespread our message. Don’t you think so?

  6. […] aperta alla comunità open source V’invito a leggere questo articolo, conosciuto tramite un commento apparso su un mio articolo di ieri e la mia risposta, che riporto […]

  7. vigliag said

    Sono d’accordo con queste proposte. Sembrano tutte applicabili e renderebbero linux alla portata di molte più persone. Tuttavia, non sono del tutto d’accordo per quanto riguarda alcuni punti

    Ecco le mie impressioni:

    1: Completamente d’accordo, non si può pretendere che un principiante che usa il computer esclusivamente per lavoro debba compilare dei driver per far funzionare il proprio hardware. Per il resto, il terminale ricopre già oggi un ruolo minimo, limitandosi a velocizzare e a rendere più comodi dei compiti per cui usare la GUI risulterebbe superfluo.

    2: Limitatamente d’accordo. Penso che chi compra un PC, sceglierebbe comunque di acquistare e farsi installare un sistema windows, poiché, proprio per la sua pigrizia, preferisce un sistema (subito e senza sforzo alcuno) compatibile con tutto, dalle applicazioni proprietarie che usa per lavorare, alle nuove periferiche che acquisterà ( e che devono funzionare subito ). Per un utente finale sarebbe quindi, comunque più conveniente acquistare Windows.

    3: Completamente d’accordo.

    4: Questo sarebbe veramente utile, e non sembra neanche tanto difficile da attuare, basti pensare a progetti come Wubi, chissà…

    Beh, non ho altro da aggiungere.
    Complimenti per l’articolo!

  8. LukenShiro said

    Indubbiamente quanto dici è molto ragionevole se si pensa ad un comune utente.
    Molti usufruitori del mezzo informatico beneficiano di un computer e dei programmi su di esso installati allo stesso modo del frigorifero, del televisore, della macchina ecc..
    Non c’è niente di male a non sapere come funzionano i circuiti interni di una radio-sveglia e come programmare il microcontroller dei suoi circuiti, dice del resto la maggior parte della gente …
    Stranamente ad una parte dell’utenza interessa invece moltissimo sapere come funziona il suo computer, come interagisce con gli altri, e che combinano veramente i programmi che ha installato: è per questa ragione soprattutto che GNU/Linux sta avendo questo gran successo ed è uscito dalla nicchia.
    Ci sono però grossi problema da affrontare:
    1) l’ignoranza (a livello di non-conoscenza dell’alternative): una certa società ha fatto credere a generazioni di utenti che anche una nonnina senza alcuna competenza e senza volgia di leggere alcuna documentazione potesse accedere e usare senza problemi il mezzo informatico: gli effetti sono sotto gli occhi di tutti: utenti in crisi quando non funziona qualcosa (che pur a parole sembrava essere “plug&play”); utenza che inorridisce a vedere qualcosa di anche prossimamente vicino ad un “manuale”; la non responsabilizzazione che comporta l’installare quello che capita o il cliccare dove capita (e si veda la valanga di spyware, virus, worm, catene di Sant’Antonio ecc..);

    2) (questo lo si vede tutte le volte anche sui commenti di punto informatico) la sottovalutazione dei diritti delle c.d. minoranze informatiche: gli enti pubblici che si permettono di parlano di “disabilità tecniche” per coloro i quali dispongono di un sistema operativo diverso da quello maggioritario (come se gli anormali fossimo noi ..); le società pubbliche e gestori di servizi pubblici che creano sedicenti portali non certo gratis in cui l’accessibilità non esiste e si violano tutte le regole riguardanti il rispetto della standardizzazione di organizzazioni internazionali riconosciute, perché va di moda magari l’ultimo (e incompatibile con gli altri) ritrovato Microsoft, come se in autostrada accettassero solo auto e di una precisa marca e modello; il fatto che non poche persone tra il pubblico non trovino niente di sbagliato in tutto ciò (credo che sia la cosa più grave: si dice “ma in fondo siete una minoranza, non potete pretendere che ci si adegui a voi”)

    3) in terzo luogo c’è senz’altro un margine di ignoranza interessata e in malafede, e riguarda, più che gli utenti che si fanno abbindolare dai FUD di Microsoft, da quelli che con Microsoft ci guadagnano pesantemente: si pensi alle case di software produttrici per Windows e relativi distributori, a chi ha una rendita di posizione culturale nella conoscenza dei prodotti MS e la sfrutta per tirare a fine mese, dirigenti i cui meccanismi decisionali magaaari sono “oliati” da certe organizzazioni, che dispongono di svariati fondi, per preferire certi prodotti commerciali chiusi e proprietari, rispetto ad equivalinti di valore magari superiore, ma che non hanno quel “più” da offrire …

    Tu parli di integrazione tra nuovi mezzi di comunicazione di massa e PC, indubbiamente si va verso questo, ma siamo sicuri che la facilità d’uso portata all’eccesso, ovviamente con una buona dose di barriere di cui sono o saranno infarciti questi dispositivi (DRM per le militazioni di uso dei mezzi digitali, Trusted-Computing per decidere come devi usare il tuo apparecchio, installazione di programmi di pubblicità e/o spionaggio per profilazione del cliente, massiccia riduzione della privacy per ragioni contingenti o per l’emergenza di turno quelaunque essa sia) portano una maggiore consapevolezza nell’uso, e non invece, come credo, ad una maggiore superficialità?
    In ogni caso la riga di comando non è un obbligo, se la distribuzione lo permette si può evitare di usarla, ma perché impedire l’esercizio di libertà che ciò comporta, per chi la desidera?

    Se GNU/Linux dovesse rinunciare ai suoi capisaldi per diventare una versione annacquata e iperfacile di Windows, per cui chiunque senza alcuna voglia di leggere manuali, guide o how-to potesse usarlo immediatamente, non credo che col tempo conserverebbe la sua natura di iperconfigurabile, di modulare, di estremamente flessibile, di più sicuro della media.
    Oltretutto considerando che potenzialmente non ci sono limiti a cosa si può fare, a differenza di un prodotto proprietario alla Windows che mette dei chiari paletti all’utente in merito al funzionamento dei suoi programmi e delle sue apparecchiature, l’utente si renderebbe conto in fretta di avere una versione castrata e probabilmente passerebbe a qualcosa di più evoluto.
    O altrimenti userebbe Linux come usa Windows (beneficiando dell’1% delle sue funzionalità), ma continuerebbe a lamentarsi perché le sue cose non funzionano (può essere l’enciclopedia in VB, il giochino DirectX, il gestionale cobol o .NET ..) e ritornerebbe schifato indietro.

    Per quanto riguarda il supporto commerciale, già diverse distribuzioni e non poche PMI italianissime anche molto valide offrono l’assistenza e il supporto per soluzioni informatiche anche libere su hardware ovviamente certificato e testato. Si tratta solo di essere disponibli a pagarne il costo (stranamente per Windows preinstallato uno è disposto a pagare chissà quali cifre, ma per GNU/Linux vuole avere tutto gratis: la licenza GPL non parla di necessaria gratuità)

    Per quanto riguarda il database, sarebbe un lavoro immane, considerando le diverse possibilità di configurazione, i diversi stock di merce venduta nei negozi, i diversi assetti strutturali e i diversi strumenti a disposizione delle distribuzioni, le modifiche p.es. alla struttura del kernel e il cambiamento di API di anno in anno che comporta una continua verifica di funzionamento di un dispositivo (esempio personale: un lettore di smart card della Omnikey che funzionava col kernel 2.4 e fino al 2.6.15 ora non funziona più perché nessuno lo mantiene essendo cessata la produzione di quell’aggeggio).

    Per il resto direi che concordo con i tuoi lettori dei post precedenti.

  9. Gasolino said

    Non c’è quasi niente di sensato in questo articolo… l’emulatore di terminale è uno strumento, come tutti gli altri presenti nel computer. Alcune volte è comodissimo, altre no; molte volte ne ho sentito la mancanza su windows. Ma si può forse pretendere un’evoluzione istantanea verso un SO perfetto? Le interfacce grafiche si evolvono continuamente, ma ogni cosa ha i suoi tempi. Inoltre compilare diventa sempre meno indispensabile e già oggi si compila quasi solo per avere software in fase testing uscito qualche ora prima, o driver instabili non inseriti nel kernel (ma i produttori di hardware che fanno?). Il fatto che i rivenditori non installino GNU/Linux è forse colpa di GNU/Linux e della sua comunità? mah! L’assistenza di cui parli la fanno già diverse aziende (ancora troppo poche), quindi non c’è materia del contendere. E per i vecchi PC, la tua idea è del tutto impraticabile per la natura di evoluzione continua dell’hardware e del software. Un programma che riconosca tutto l’hardware esistente e consigli la distribuzione più adatta è irrealizzabile per il semplice fatto che esiste una infinità di pezzi di hardware ed esistono molte distribuzioni adatte a vecchie macchine, che si scelgono per tante ragioni che NON sono la “potenza” dell’hardware stesso. La scelta richiede conoscenza, quindi chi non conosce non può scegliere. Chi sa usare solo windows e non può/vuole imparare niente di nuovo resterà lì, qualsiasi cosa succeda. Per gli altri c’è un mondo in piena evoluzione pronto ad accoglierli. Infatti i forum sono pieni di persone alle prime armi e altrettanti disponibili a dargli una mano. Quelli che pretendono tutto e subito, o che non hanno tempo/voglia/capacità di imparare, si autoescludono senza rimedio. Ricordo che stiamo lottando contro mostri multinazionali in gradi di condizionare l’economia e il diritto, che fanno di tutto per mettere i bastoni tra le ruote in un percorso già non facile. Solo chi si informa può “uscirne vivo”.

    Il mondo dell’open-source evolve alla velocità della luce. Nella futura società dell’informazione sarebbe impensabile (e pericolosissimo!) che i cittadini fossero del tutto digiuni di informatica. Il mondo FOSS, quindi, non vuole solo dare la possibilità di usare software (e hardware…) documentato e sicuro a tutti, ma anche di *formare* una nuova generazione di utenti vispi e attivi che non si limiti ad usare il computer in modo cieco (con il rischio di *essere usato* dal computer).

  10. codecentral said

    Your post has alot of merit, and touches on some crucial points that this ‘sect’ of an open source community completely overlooks and wonders why it is so difficult for people to ‘see the light’. I’m all for OS, but as long as *nix OS developers continue to see their accomplishments as “us against Microsoft” they’ll never get anywhere, not fast enough at least. Microsoft is a beast backed by the best minds in the marketing world, aimed and giving users a sense of simplicity and funny enough, security in the purchase of MS Software.

    We mustn’t forget that the biggest problem the OS community has with Microsoft(at least it started this way) is the fact that they refuse to give their software packages and source code away for free, and are making a quick buck(or a million) in the process. Remember that nobody forces consumers to choose MS products, but they do, whether it be out of ignorance, or just the marketing machine doing its job, and doing it well.

    As it said in the beginning, I’m all for OS, but I’d prefer to use MS OS’s and Core Products for my daily tasks and profession, as it is what I know, and what I feel comfortable with. People like myself and most other PC users in the world have become accustomed to working a certain way within their PC’s, and we’re talking about the MS OS users here, who waaaay outnumber linux end-users globally. Now imagine if these developers concentrated on doing things efficiently, and better, WITHOUT a huge chip-on-the-shoulder against MS clouding their motives and resultant end product.
    I mean, restructure the ‘start’ (or equivalent) menu because it’ll be better, DON’T change the whole damn thing around in a senseless fashion simply because you don’t want it to resemble anything that MS did. Stop coding for the OS community and code for potential OS CONSUMERS, THEN you’ll be making some headway.

    UBUNTU does so well because the developers realise that this OS needs to function amongst various other OS’s and networks, and they make sure that they cover these basics, instead of shutting out simple things like AD and NT Network Integration (and i mean without the user having to run lines of commands in the terminal window). Other distributions I’ve played with simply do not cover things like this well enough, and it seems the excuse is that connecting to Windows Networks and machines isn’t important… ‘put everyone on linux and it’ll work great’
    Guys, this will not do.

    I’ll place this reply on my blog at http://www.codecentral.co.za and I welcome some dialogue around my response

    cheers
    Dominique

  11. Arne Jense said

    Yes, there are a lot of prejudices around about Linux/Macs/Windows/etc.
    And you are quite right about the fact that there are some fanatics on the loose.
    On one hand, once it was very hard to use Linux without being at complete nerd. So people spent a lot of time learning it. And when you invest effort into something and succeed, you will sort of love it.
    On the other hand, to do something different than the mass of people means that you think about, what you are doing, and that makes you a fan(atic), too.
    Having said that, using Linux has genuine advantages (really genuine, NOT like MS’s “genuine advantage, which is a genuine disadvantage, as far as the user is concerned). For once you are more flexible, get a lot more inspiration from the community of other computer users etc. Using Linux, I think, is more sociable, not like living under a dictatorship.
    So you may complain with the chance of change (not like complaining about your government or MS, which doesn’t move much). And I can understand your complaint about hardware divers – but there’ll always be a chance that someone will help you.
    The problem is, that for many people Linux comes as an afterthought – they first buy the hardware and than want to find a way to use it with Linux. Mac-users have learnt to do it the other way around. So get some information about existing drivers before you buy your next gadget.
    Last remark: You talk about Linux, as if it just was one thing. Actually there are lots of flavors, and they are all different, sometimes surprisingly so. Example: When I wanted Linux on my Acer Aspire 3000 laptop, I thought it would be a god idea to install Kubuntu (’cause I had used KDE before). Installing it was simple, and everything worked o.k. Well, sort of, my mouse was too fast and the screen settings weren’t perfect. So I decided to give it a try, and installed Ubuntu – and everything works perfect now (Internet, word processing, music, dvd). Switching from one Linux distribution to another just took me about two-three hours, and didn’t cost me any money.
    There will always be people, who let others decide – and then complain. And there are people, who dare to think for themselves and do something about it. And it’s them, who are todays Linux-users (like 2-3%?)

  12. ajclarkson said

    I’ve just stumbled across this blog as a link from linux.wordpress and I think its great that you are thinking of switching to linux full time! You have made a very important step which most people over look, and thats asking for ideas of people who already use it!

    Many people simply disregard linux because of the fact that it is different to Windows and you have to try to use it, and Im very glad you are willing to do so. I’ve just started a new blog, and I posted on this issue today here:

    http://ajclarkson.wordpress.com/2007/11/28/ever-considered-going-open-source/

    I’d appreciate it if you took a look and let me know your thoughts!

  13. Hi!! I don’t agree with you.. there all new Linux distribution support most of the hardware.. This is not reason to go away from Linux!!

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: